"I GAY? LI AMAZZEREI TUTTI"

di

Novara: gli studenti pubblicano dichiarazioni razziste sull'omosessualità e il caso va in Parlamento. Ma come viene vissuta nelle scuole la diversità sessuale? Gay.it parte con un'inchiesta nazionale.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Episodio sconcertante e terribile a Novara: in un istituto tecnico un giornalino fatto dagli studenti pubblica un articolo sull’omosessualità che contiene offese, discriminatorie e razziste. Si pone un problema grave e urgente: poiché, come ha scritto il grande filosofo Eugenio Garin, "la scuola è il luogo dove si elaborano le idee e si immettono nella società", come viene trattata, se viene trattata, l’omosessualità nelle scuole?

Esiste un’educazione alla diversità? Esiste nei professori la preoccupazione di informare gli studenti su quanta parte l’omosessualità ha avuto nella storia, nella letteratura, nella società italiana e mondiale? Posto che una preoccupazione del genere non esiste nei programmi ministeriali, presidi e professori fanno la loro parte o lasciano gli studenti a se stessi? Dall’esempio di Novara pare che gli studenti non abbiano di fianco nessuno che li tenga informati su cosa è l’omosessualità. E se prediamo Novara come parametro, è scoraggiante toccare con mano l’ignoranza della scolaresca sull’argomento. Ma Gay.it partirà a breve con un’inchiesta a tutto tondo che coinvolgerà i maggiori istituti superiori di otto grandi città: Milano, Torino, Bologna, Roma, Napoli, Bari e Palermo. Un’indagine in tutta Italia che coinvolge presidi, professori e studenti a nord-ovest, nord-est, centro e sud. Aspettando la prima puntata che cominci a far luce su come l’omosessualità viene vissuta nelle scuole, torniamo a Novara.

"Non è rivoltante vedere due persone dello stesso sesso scambiarsi effusioni d´amore?! Per noi due lo è". A esprimere questa discutibile opinione sono due studentesse della 2° C dell’Istituto tecnico per Geometri "Nervi", autrici, per il giornalino autogestito dagli studenti dell’Istituto, di un articolo sull’omosessualità. L’intenzione del pezzo è di presentare le opinioni dei ragazzi della scuola sull’argomento, senza "mancare di rispetto a persone che non condividono la nostra stessa opinione", come premettono in apertura le autrici.

E dopo aver tracciato un quadro della situazione degli omosessuali nella nostra società anche questo opinabile ("Al giorno d’oggi gli omosessuali sono accettati e largamente approvati, e a momenti siamo "noi" i diversi") le due ragazze passano in rassegna le opinioni dei loro compagni di Istituto: e i risultati sono da raccapriccio.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...