Denuncia Grindr per le violenze subite a causa dei profili fake creati dall’ex

di

Il suo ex ha creato falsi profili con i suoi dettagli sulla app per incontri.

CONDIVIDI
38 Condivisioni Facebook 38 Twitter Google WhatsApp
11596 3

Un uomo ha citato in giudizio la celebre app per incontri Grindr per quello che ha dovuto subire in seguito alla fine della sua storia d’amore con l’ex.

Matthew Herrick, attore di New York City, ha incontrato il suo ex compagno su Grindr nel 2015. Poi, una volta finita la relazione, l’ex fidanzato di Matthew avrebbe cominciato a creare decine di falsi profili dello stesso Matthew, inviando anche le foto del ragazzo e prendendo appuntamenti sessuali con sconosciuti a suo nome.

Molte di queste persone contattate dall’ex, da settimane ormai, si presentano a casa del giovane per fare sesso: addirittura uno di questi tizi è riuscito ad entrare nell’abitazione del ragazzo, rifiutandosi di andarsene. Quando il coinquilino del ragazzo, spaventato dall’intruso, ha minacciato di chiamare la polizia, questo si sarebbe avventato su di lui, aggredendolo.

Matthew si dice sfinito da questo enorme numero di appuntamenti – circa 700 – da lui mai organizzati: ha inviato decine e decine di segnalazioni a Grindr affinché prendesse e si è presentato alla polizia per ben 14 volte.

Al momento Grindr non ha ancora risposto alle accuse del giovane.

Leggi   Appuntamenti su Grindr, in Olanda due raid omofobi in pochi giorni
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...