Ratzinger boccia l’ambasciatore: ha scritto una storia gay

di

Kiril Maritchkov è stato scelto dalla Bulgaria come ambasciatore presso la Santa Sede e avrebbe tutti i titoli per farlo se non fosse per un suo romanzo in...

1443 0

I suoi titoli sono impeccabili: due lauree (una in Scienze politiche e una in Giurisprudenza) entrambre prese in Italia, poliglotta (parla il bulgaro, sua lingua madre, l’italiano, il russo, l’inglese e lo spagnolo), è un profondo conoscitore dei movimenti dei paesi dell’Est dopo la caduta del Muro ed è uno studioso di geopolitica. In più, è sposato, con un’italiana, e padre di due figli.
Kiril Kirilov Maritchkov, insomma, avrebbe tutte le carte in regola per fare l’ambasciatore della Bulgaria presso la Santa Sede, ruolo per il quale il governo di Sofia l’avrebbe scelto.
Peccato, però, che è persona non gradita alle gerarchie vaticane e il motivo non è politico, né personale quanto letterario. Maritchkov, infatti, ha scrotto un romanzo dal titolo Clandestination che racconta storie di immigrati clandestini in Italia.

Di una di queste storie fa parte una storia di sesso gay a pagamento tra un giovane clandestino dell’Europa dell’Est e un romano. Ed è proprio questa la ragione per cui l’uomo non è bene accetto come ambasciatore presso la Santa Sede.
La vicenda, tutt’altro che banale a differenza di quanto potrebbe sembrare, pare stia complicando non poco i rapporti tra la Bulgaria e il Vaticano al punto che Orazio La Rocca su Repubblica paragona la situazione a quella che si creò nel 1981 quando gli inquirenti che indagavano sull’attentato a Giovanni Paolo II batterono la cosiddetta "pista bulgara" arrivando all’arresto di Serghei Antonov, ritenuto complice di Alì Agca e poi assolto per insufficienza di prove.

La questione è talmente seria che il nunzio apostolico in Bulgaria, Janusz Bolonek, una sorta di ambasciatore del Papa all’estero, ha inviato in Vaticano un ampio dossier sull’aspirante ambasciatore con tanto di stralci del libro e della parte incriminata piena di appunti e sottolineature, nel caso dovessero sfuggire i punti più salienti.
Il libro di Maritchkov, in ogni caso, è un best seller nel suo paese, è stato tradotto in italiano ed è edito da Cooper. 

Leggi   Disney, “One Million Moms” lancia una campagna contro il personaggio gay di Andi Mack
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...