Reggio Emilia: “Case? Prima le coppie etero, poi quelle gay”

di

Il candidato a sindaco del Pdl ha dichiarato che, nel suo piano casa, a parità di punti, le coppie etero avranno la priorità su quelle gay: "Gli etero...

780 0

Tra i tanti comuni in cui i prossimi 6 e 7 giugno si voterà per il rinnovo dell’amministrazione locale c’è anche Reggio Emilia. La campagna elettorale imperversa e tutti i candidati sono impegnati a presentare programmi, proposte e soluzioni più o meno miracolose ai problemi delle città.

"A parità di requisiti per me c’è prima la coppia normale – ha tenuto a precisare il candidato a sindaco di Reggio Emilia per il Pdl, Fabio Filippi -. Poi vengono i gay. Ma non dite che questa è discriminazione". Ok, chiamiamola pure disparità di trattamento.

L’affermazione di Flippi, fatta durante la conferenza stampa di presentazione del piano caso del Pdl, ha suscitato non poche polemiche a cominciare dalle associazioni che hanno parlato di "sparate di stampo fascista e retrogrado". Il capogruppo del Prc al consiglio comunale, Alberto Ferrigno, invece ha parlato di "affermazioni incostituzionali e inaccettabili per un paese come il nostro". "Spero che le forze democratiche e i candidati a sindaco e a presidente della Provincia – ha continuato ferrigno –  vorranno prendere le distanze da deliri di questo tipo".

Per niente turbato dalle reazioni e affatto intenzionato a riflettere un po’ di più sulle sue posizioni, Filippi ha rincarato la dose. "Di queste accuse me ne frego – ha dichiarato – Io non discrimino nessuno. Se una coppia formata da un ragazzo e una ragazza ha gli stessi punti in graduatoria, viene prima di una coppia omosessuale. Questo l’ho detto e lo ribadisco. Per me è giusto così. Anche perché un uomo e una donna fanno figli e mandano avanti la vita, mentre con gli omosessuali questo non accade. E’ chiaro che, ad esempio, se due gay hanno mille punti e una coppia normale ne ha cento, la casa va sicuramente ai gay".

Quindi immaginiamo che tra i requisiti che servono per il punteggio ci siano anche i test di fertilità della coppia, giusto per avere la certezza che possano procreare, no? Oppure una dichiarazione di intenti dei due nella quale manifestano la loro irremovibile intenzione a fare almeno un figlio.

E siccome sentirsi dare del discriminatore non piace a nessuno, neanche a chi lo è davvero, ecco che arriva la precisazione tendente al politically correct. L’aspirante sindaco di tiene a far sapere che lui non ce l’ha con i gay, "mi sono anche simpatici. Perdo i loro voti? Un gay intelligente mi dà la preferenza. Se invece non mi voteranno, farò senza. Io non mi vendo, non elemosino voti".

Leggi   Gli Stati Uniti non si schierano contro la pena di morte per i gay all'ONU
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...