Registro per coppie a Bolzano: esulta GayLib

di

La giunta comunale di Bolzano ha dato il nulla osta affinché il Consiglio discuta della possibilità di istituire un «Registro comunale delle Unioni civili».

BOLZANO – La giunta comunale di Bolzano ha dato il nulla osta affinché il Consiglio discuta della possibilità di istituire un «Registro comunale delle Unioni civili». L’iniziativa è partita da «Centaurus», l’associazione omosessuale altoatesina, ed è approdata in giunta grazie all’interessamento di Verdi e Ds. Ora il Consiglio comunale sarà chiamato a decidere sulla questione.
GayLib, l’associazione nazionale dei gay liberali e di centrodestra esprime “soddisfazione per la visione attenta ed aperta alle coppie di fatto, anche omosessuali, che ha dimostrato una parte della giunta comunale di Bolzano”.
“Consci del fatto che una legge completa e definitiva che tuteli i diritti dei gay possa venire solo dal Parlamento, siamo entusiasti per il coraggioso segnale lanciato dal sindaco Salghetti”, dice una nota.
“Tale azione – si afferma – è anche la dimostrazione che nell’opulenta Bolzano si vada ora nella direzione di considerare il valore dell’individuo nel suo aspetto sociale, cosa che pone il comune altoatesino tra le istituzioni che hanno saputo interpretare i segni dei tempi. Ci auguriamo vivissimamente che il centrodestra bolzanino dimostri accortezza per portare avanti e sviluppare l’iniziativa, non perdendo così l’occasione di dimostrarsi moderno, moderato ed europeista. Viste inoltre le possibilità dell’amministrazione provinciale, invitiamo gli organi della stessa a seguire l’importante esempio che Bolzano, come altre realtà territoriali, sta dando”.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...