Riconoscimento delle coppie gay in Europa

di

Depositati al Parlamento Europeo quattro emendamenti che introducono il diritto al riconoscimento delle coppie gay in Europa.

BRUXELLES – Il Parlamento europeo si mobilita per la libera circolazione ed il mutuo riconoscimento delle coppie gay. Sono stati infatti depositati nei giorni scorsi al Parlamento europeo 4 emendamenti al rapporto Santini (PPE, Forza Italia) volti a introdurre questi principi nell’ordinamento comunitario. La poposta UE prevede infatti che solo le coppie eterosessuali siano riconosciute in tutta Europa e possano circolare godendo degli stessi diritti di cui godono nel paese in cui si sono sposate, mentre esclude le coppie gay sposate o unite civilmente. Il relatore di Forza Italia Santini aveva proposto nel suo rapporto di ulteriormente "chiarire" il testo scrivendo espressamente "coppie eterosessuali", sollevando le critiche di numerosi colleghi e della Commissione europea. I deputati radicali Maurizio Turco e Marco Cappato, i socialisti Michael Cashman e Joke Swiebel, i liberali Sarah Ludford e Ole Sorensen, la verde Kathalijne Buitenweg, hanno quindi depositato emendamenti comuni che mirano ad introdurre il mutuo riconoscimento delle coppie gay in tutta Europa. Anche al fine di dare maggiore forza a questi emendamenti, il Partito Radicale Transnazionale e ILGA-Europe continuano la raccolta delle firme sulla petizione on-line per la libera circolazione ed il mutuo riconoscimento delle coppie gay alla pagina web http://servizi.radicalparty.org/gay_europa/index_it.php

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...