Rifiutarono i suoi organi perché gay: la madre lotta contro la legge

di

I medici canadesi rifiutarono gli organi di Rocky Camapana, 23 anni, perché era gay. Ora la madre Nancy lotta per abolire la legge discriminatoria.

5033 0

Rocky Campana era un ragazzo di 23 anni, morto dopo aver tentato il suicidio. Per un po’ venne tenuto in vita grazie alle strumentazioni mediche disponibili in ospedale. Rocky era un donatore di organi e al momento della sua morte la madre, seguendo la sua volontà, decise di donare gli organi del figlio. La donazione, però, venne rifiutata. Secondo Nancy, a spingere i medici a rifiutare gli organi del figlio sarebbe stata la sua omosessualità.
“Mi chiesero se fosse gay e io risposi di sì – ha raccontato Nancy a CBC News -. Mi chiesero anche se era un gay sessualmente attivo e se aveva un partner. E io risposi di sì”. A quel punto, racconta Nancy, il tono della conversazione cambiò radicalmente e i medici dissero che la famiglia non avrebbe potuto donare gli organi di Rocky.
Alla famiglia venne detto che nel corpo di Rocky c’erano tracce di droga e che per questo i suoi organi non potevano essere accettati. In realtà, altri medici spiegarono a Nancy che le tracce di droga potevano esserci per via dei medicinali che gli erano stati somministrati in ospedale nel tentativo di salvargli la vita.

“Gli amici gay di Rocky – ha spiegato Nancy alla TV – mi dissero: ‘Nancy, non possiamo donare il sangue, figurati se prendono i nostri organi’. “.
La vicenda di Rocky risale allo scorso agosto e da allora la madre Nancy e il padre Rob si sono intestati una campagna per modificare le leggi sulla donazione di organi ed eliminare le discriminazioni contro i gay.
Nel 2007 le leggi canadesi vennero modificate e i gay maschi sessualmente attivi, i tossicodipendenti e altre categorie di persone vennero escluse dalla donazione di organi. La legge è simile a quella che riguarda la donazione del sangue che esclude i gruppi considerati ad alto rischio di infezione da HIV. .
Per le norme canadesi, un gay che non ha avuto rapporti sessuali nei cinque anni precedenti può donare gli organi, mentre un etero che abbia avuto una sola esperienza sessuale con un altro uomo, no.
Lo scorso 14 aprile la famiglia e gli amici di Rocky hanno organizzato una maratona intitolata “Run for Rocky” per raccogliere fondi per la loro alleanza etero-gay creata per combattere contro queste leggi discriminatorie.

Leggi   Africa, le nuove frontiere per combattere Hiv e Aids
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...