Roberto Formigoni condannato a sei anni di carcere: le accuse sono pesantissime

di

Il nemico numero uno della comunità LGBT ricevette più di 70 milioni di euro, per fare la bella vita col suo "coinquilino".

CONDIVIDI
1.8k Condivisioni Facebook 1.8k Twitter Google WhatsApp
30965 4

Roberto Formigoni è stato condannato a sei anni di carcere per associazione a delinquere e corruzione.

L’omoofobo ex presidente della Regione Lombardia, senatore Ncd e acerrimo nemico della comunità LGBT (basti guardare gli articoli sul nostro sito che lo riguardano LEGGI >) è stato riconosciuto colpevole in primo grado per i casi San Raffaele e Maugeri, che hanno destato scandalo nella sanità regionale.

Secondo l’accusa il faccendiere Pierangelo Dacco’ e l’ex assessore Antonio Simone sarebbero stati la spola attraverso cui l’allora governatore avrebbe goduto di benefit e privilegi lussiosi, tra cui viaggi in località esotiche, yacht, champagne e camere d’hotel a 5 stelle. Formigoni insieme al suo “gruppo criminale”, nelle parole dei pm, avrebbe sperperato 70 milioni di euro di denaro pubblico con un grave danno al sistema sanitario. Soldi tolti a chi ne aveva bisogno per i suoi agi, grazie ad una corruzione sistemica durata 10 anni.

I soldi sarebbero usciti dalle casse della Fondazione Maugeri e del San Raffaele: più di 70 milioni tra il ’97 e il 2011. E sarebbero finiti sui conti di Dacco’ e Simone in cambio di favori e rimborsi alla Maugeri e al San Raffaele.

Formigoni, insieme al suo “coinquilino” Alberto Perego, riuscì a procurarsi con quei soldi ben tre navi “ad uso esclusivo, con tanto di cambine riservate e marinai”. Il Celeste inoltre versò un assegno da 1,5 milioni di euro a Perego per l’acquisto di una villa in Sardegna. I suoi conti, tra il 2002 e il 2012, sono rimasti silenti: una parte di quei 70 milioni sarebbero stati consegnati all’ex Presidente in contanti. Formigoni “non si comprava neanche un vestito, non si pagava neanche un aereo per andare in Sardegna a godersi la sua bella barca“.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...