Roi Ferdinand: “La Fifa si impegni contro l’omofobia”

di

Il capitano della nazionale di calcio inglese ha chiesto alla federazione di lanciare una campagna contro il razzismo e l'omofobia nel mondo del calcio. E' il tentativo di...

Ogni tanto dal calcio, non quello italiano, sia chiaro, viene un segnale positivo. Nei giorni in cui ci si stupisce (qualcuno davvero, altri un po’ meno) per i cori inneggianti al regime fascista cantati dai tifosi della nazionale italiana a Sofia, il capitano della nazionale inglese, Rio Ferdinand ha chiesto esplicitamente alla Fifa di impegnarsi per combattere l’omofobia e il razzismo nel mondo del calcio. Un tabù, quello dell’omosessualità nell’ambiente calcistico, non facile da rompere né da affrontare. 

Non sappiamo se Ferdinand sia o meno gay, non ci sono chiacchiere e pettegolezzi in merito, anzi, lo scorso anno fu al centro di una polemica per avere dato del ‘frocio’ in televisione a Moyles. In quell’occasione Ferdinand si premurò di chiedere immediatamente scusa dicendo: "Scusate, scusate, scusate: non sono omofobo". 

Se a distanza di un anno da quel fatto il capitano inglese sceglie di farsi propmotore di una simile richiesta alla Fifa le cose sono due: o davvero non è mai stato omofobo, o se lo era adesso non lo è più, cose comunque apprezzabile e degna di nota.

Ora sta alla Fifa raccogliere l’appello di Ferdinand e lanciare una campagna contro l’omofobia e il razzismo nel calcio.

Leggi   Dopo la Pride reaction c'è chi chiede la Cross reaction contro i diritti LGBT
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...