Roma: duello sulle coppie di fatto

di

Mentre Storace, presidente della regione Lazio, si barrica sulla difesa delle coppie sposate, la sinistra in consiglio comunale intende tutelare anche le unioni di fatto.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
691 0

Scontro a distanza tra la destra al potere nel consiglio regionale e la sinistra che siede in Campidoglio alla guida del Comune, su temi relativi alla tutela delle coppie di fatto. Mentre il presidente della regione Francesco Storace ha fatto sapere che elargirà aiuti regionali solo alle coppie regolarmente sposate, il capogruppo dei Verdi al Comune di Roma, Silvio di Francia annuncia la discussione della proposta per la tutela delle coppie di fatto.

«In autunno noi dovremo discutere delle coppie di fatto. Estenderemo il fondo di solidarietà che già esiste anche a loro», ha dichiarato recentemente il di Francia al quotidiano il Nuovo.it, aggiungendo che le posizioni di Storace dimostrano una «cultura dei diritti e della solidarietà degni della controriforma».

«L’abolizione della legge regionale che stabilisce un modesto, e pur significativo contributo alle famiglie, comprese quelle di fatto – precisa Silvio di Francia – ha il sapore di una vendetta rozza e becera. A questo punto occorrerà rispondere dal Campidoglio facendoci carico di ciò che Storace ha cancellato». E con l’occasione, secondo di Francia, si potrebbe anche approvare la proposta per il registro delle unioni civili.

Di Francia non è il solo nelle file della sinistra a vedere con il fumo negli occhi le esternazioni di Storace: anche Fabrizio Panecaldo, capogruppo della Lista Civica, afferma che «la legge annunciata da Storace è un ritorno al passato. Oggi nella società il valore è la famiglia, il legame fra due persone, e non il matrimonio. Credo che gli stessi cittadini del Lazio siano più avanti di Storace. Ma lui pensa soprattutto alla politica nazionale».

Risponde la destra per bocca del capogruppo di An, Bruno Prestagiovanni: «Se in consiglio si discuterà di riconoscimento di coppie di fatto non potremmo far altro che ribadire anche lì la posizione di Storace – dice – Tra l’altro la proposta di Di Francia mi sembra anche giuridicamente impossibile da attuare. Non mi scandalizza parlare di unioni di fatto ma quello che mi preoccupa è che, con la proposta di Di Francia, si arrivi al riconoscimento delle coppie omosessuali». Bontà sua.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...