Roma: Registro delle unioni civili all’ordine del giorno in consiglio

di

Previsto per domani l'inizio della discussione sul testo. Battaglia: "Momento storico"

4874 0

Dopo una lunga attesa, finalmente l’ordine del giorno del consiglio comunale di Roma prevede per domani l’inizio della discussione sul Registro delle Unioni Civili. Come annunciato qualche settimana fa, la calendarizzazione del provvedimento che istituisce il registro è avvenuta, sebbene sembra difficile che se ne inizi a parlare davvero domani, dato il denso ordine del giorno previsto. Ma per i promotori del testo, ovvero il centrosinistra e il Movimento 5 Stelle, è comunque una giornata importante.
La consigliera comunale di Sel Imma Battaglia, a lungo presidente dell’associazione Di’Gay Project, ha parlato di “fatto storico” ed ha fatto sapere di volere essere la prima, insieme alla compagna a registrare la propria unione. Adesso è solo una questione di tempi necessari a che l’iter si completi, perché, salvo imprevisti, non ci dovrebbero essere problemi di maggioranza, considerato anche l’appoggio al provvedimenti del M5S.

“Trascorrerà almeno un mese – ha dichiarato al Messaggero Riccardo Magi, radicale della lista civica Marino – prima che si arrivi alla votazione, però questa è comunque una giornata importante”.
Nei giorni scorsi, Imma Battaglia aveva paventato le dimissioni dalla compagine che appoggia Marino se il provvedimento non fosse approdato in Campidoglio in tempi brevi e il suo capogruppo aveva chiesto una “verifica di maggioranza”, dati i dissidi interni al Pd sulla questione. Il sindaco, d’altro canto, si è sempre detto favorevole all’istituzione del registro che aveva inserito nel suo programma di governo della città. Nei giorni scorsi, inoltre, Marino ha anche detto di volere accelerare l’iter per la delibera che consenta la trascrizione nei registri di stato civile dei matrimoni egualitari celebrati all’estero.

Leggi   Roma, ragazzo non può entrare in discoteca: "Perché sono gay?"
Tutti gli articoli su:
Personaggi:

Commenta l'articolo...