Russia: parte campagna per legalizzare nozze gay

di

Anche nella Russia di Putin parte una campagna per legittimare le nozze gay. L'hanno lanciata oggi un deputato e il direttore di una rivista.

519 0

MOSCA – Anche nella Russia di Putin parte una campagna per legittimare le nozze gay. L’hanno lanciata oggi un deputato e il direttore di una rivista che si sono presentati ad un ufficio moscovita per le registrazioni matrimoniali e hanno chiesto di essere riconosciuti a tutti gli effetti come marito e moglie.
Deputato in Baskiria, una repubblica autonoma della Russia centrale, Edvard Murzin è eterosessuale ma ha deciso lo stesso di sposare Edvard Mishin – direttore della rivista gay ‘Queer’ – per poter così combattere quella che considera un’importante battaglia per la promozione dei diritti civili.
Al Zags (questa la sigla degli uffici per le registrazioni matrimoniali) la coppia ha oggi presentato tutti i documenti necessari per le nozze: “Tutto – ha raccontato Mishin – si è svolto molto semplicemente. La direttrice ha preso i documenti e ci ha chiesto di ritornare tra dieci giorni per avere la lettera di rifiuto in base all’articolo 12 del codice famigliare”.
Con la lettera ufficiale di rifiuto il deputato della Baskiria e il suo mancato consorte si rivolgeranno alla giustizia denunciando la “discriminazione”, nella speranza di creare un caso politico-giudiziario che porti alla modifica del codice di famiglia.
Nel 2003 un pope ortodosso di Nizhni Novgorod ha sollevato per la prima volta in assoluto il problema quando ha benedetto l’unione tra due gay dopo aver ricevuto una donazione di 500 dollari ed è stato immediatamente scomunicato dalla gerarchia.

Leggi   Canada minacciato da un diplomatico russo: "Conseguenze per i 31 ceceni a cui avete dato asilo"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...