Salatto (Fli): Contrarissimo alle coppie gay

di

L'eurodeputato di Futuro e Libertà se la prende con le coppie gay scomodando anche Adamo ed Eva. "La Bibbia ci insegna che l'umanità non deriva dall'unione di Adamo...

919 0

"No, nella maniera più assoluta no. Sono contrarissimo alle coppie gay. San Giuseppe era con Maria, non era con Giovanni quando ha procreato nostro Signore. Credo che le indicazioni che ci arrivano dalle Sacre Scritture siano chiare. La Bibbia ci insegna che l’umanita’ deriva dall’unione di Adamo ed Eva, non di Adamo e Giuseppe". Il cenno biblico viene dall’Eurodeputato di Futuro e Libertà Potito Salatto, che tra l’altro è coordinatore romano di Generazione Italia.

Nel corso della chiaccherata sul web per la trasmissione "KlausCondicio" condotta da Klaus Davi, in onda su You Tube, Salatto ha confermato "quanto detto alla trasmissione La Zanzara di Radio24 qualche giorno fa e, cioè, che su questi temi nel Fli c’è libertà di coscienza. Gianfranco Fini è un liberale e non ci impone una linea dall’alto. Questo è un suo grande merito". Quanto alla valutazione dell’omosessualità come "devianza", l’eurodeputato ha ribadito che "A volte sia l’omosessualità che l’eterosessualità possono essere devianti. Ma ogni riferimento al bunga bunga è puramente casuale. Mi riferisco a quelle persone gay o etero che hanno la fissazione della compagnia, del rapporto sessuale a ogni costo. Questa dipendenza dal sesso è una malattia psicologica, qualcosa che andrebbe curata".

L’esponete futurista ha poi proseguito: "Non è immaginabile che due mamme o due padri adottino due figli. Un figlio ha un diritto naturale ad avere un padre e una madre. Ha necessita’ di punti di riferimento chiari. Non è minimamente immaginabile che cresca con due persone padri o due mamme. Questo, ovviamente, nell’interesse del bambino, che va salvaguardato".

E all’osservazione di Klaus Davi sul fatto che paesi, come gli Usa e la Gran Bretagna abbiano consentito a Elton John di fare un figlio con il proprio uomo, Salatto ha risposto: "In alcuni Paesi c’è la pena di morte, legge che noi non condividiamo. Ognuno ha la sua cultura e il suo modo di vedere la vita. Io rispetto le leggi di tutti gli Stati democratici, come in questo caso, ma cio’ non significa che l’Italia debba adottarne la legislazione".

 

"Salatto farebbe bene a ripensare alla passata stagione democristiana romana da cui proviene e alle tante devianze ben più gravi dell’omosessualità che la contraddistinsero fanno sapere da Gaylib, l’associazione gay vicino a Futuro e Libertà – prima di esercitarsi in contorcimenti fantabiblici che non fanno onore al suo ruolo di europarlamentare e dovrebbero, anzi, metterlo in serio imbarazzo all’interno dello stesso Partito Popolare Europeo le cui posizioni sui diritti gay non sono certo così retrive e prive di logica"

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...