Salerno discute il registro delle coppie gay

di

Nel prossimo consiglio comunale, infatti, si discuterà del registro delle unioni civili.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


SALERNO – Venerdì la città di Salerno potrebbe fare un importante passo in avanti vero il riconoscimento delle coppie gay. Nel prossimo consiglio comunale, infatti, si discuterà del registro delle unioni civili, e per l’occasione il capogruppo a Palazzo di Città di Rifondazione Comunista, Lorenzo Forte, ha rivolto un invito a tutti i consiglieri, indipendentemente dal colore politico, «a votare favorevolmente per l’istituzione del registro delle unioni civili per superare con coraggio tutti i retaggi culturali che discriminano le coppie di fatto e gli omosessuali – si legge in una nota – affinchè tale battaglia resti una battaglia di civiltà, condivisa da tutte le forze politiche. La classe politica deve fare scelte coraggiose per riconoscere tali unioni che già esistono nella società, e garantire a tutti i cittadini pari dignità e pari diritti».
E’ un invito ad aprirsi all’Europa, quello di Forte, che ricorda che l’Italia ha ricevuto l’ennesimo richiamo dal Parlamento Europeo in merito alla discriminazioni fondate sull’orientamento sessuale. «Infatti – spiega ancora Forte – il 4 settembre l’assemblea plenaria del Parlamento europeo ha approvato la ”Relazione sulla situazione dei diritti fondamentali nell’Unione Europea”, presentata dalla ”Commissione per la libertà ed i diritti dei cittadini, la giustizia e gli affari interni”. Nella relazione il Parlamento Europeo ribadisce la propria richiesta agli Stati membri di abolire qualsiasi forma di discriminazione, legislativa o de facto, di cui sono ancora vittime gli omosessuali, in particolare in materia di diritto al matrimonio e all’adozione. Si raccomanda inoltre di riconoscere in generale i rapporti non coniugali tra persone sia di sesso diverso che dello stesso sesso, conferendo gli stessi diritti riconosciuti ai rapporti coniugali, oltretutto adottando le disposizioni necessarie per consentire alle coppie di esercitare il diritto alla libera circolazione nell’Unione».

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...