SALERNO: ESPLODE IL CASO GAY

di

Dopo la denuncia di Mapelli contro un salernitano che aveva insultato gli omosessuali, il cardinale Silvestrini solidarizza coi gay, il vescovo prende le distanze.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


SALERNO – In città non si parla d’altro e, in riferimento all’episodio di omofobia che ha visto coinvolto nei giorni scorsi il prof. Giovanni Felice Mapelli (

L’ex Presidente del Consiglio per gli Affari Pubblici della Chiesa (massimo organo della Segreteria di Stato del Vaticano), in collegamento telefonico, come riferisce lo stesso teologo Mapelli “si è dichiarato molto addolorato per l’accaduto ed ha espresso anche alla comunità gay di Salerno il suo vivo rincrescimento per le ingiurie e per la violenza subita”.

A scuotere le coscienze dei cittadini c’è una precisa comunicazione pubblicata sul quotidiano locale “Cronache del Mezzogiorno”: il cardinale Silvestrini si rivolge all’Arcivescovo di Salerno, monsignor Gerardo Pierro, affinché “possa con parole appropriate ed ispirate ai principi cristiani difendere la dignità delle persone tutte, omosessuali compresi, poiché a nessuno è concesso di calpestare l’onore ed il rispetto dei fratelli”.

Il rapporto sofferto e contrastato tra gay e chiesa cattolica sembrerebbe registrare un positivo sviluppo in un ritratto politico, sociale e religioso quasi paradisiaco.

Ma a rovinare tutto ci ha pensato, nei giorni scorsi, proprio monsignor Pierro che ha inviato una bella letterina al sindaco di Salerno Mario De Biase e ai capigruppo consiliari, rigorosamente su carta intestata dell’Arcivescovado di Salerno; in allegato 6 pagine del cardinal Joseph Ratzinger, più due di note, sulle questioni omosessuali.

Nulla di nuovo sotto la luce del sole. La Chiesa ribadisce così la sua posizione: “sulle relazioni omosessuali e sull’ingiusta discriminazione nei confronti di lesbiche e gay, bisogna adottare interventi utili e prudenti smascherando l’uso strumentale che si può fare di questa tolleranza, affermando il carattere immorale dell’unione e richiamando lo Stato alla necessità di contenere il fenomeno entro limiti che non mettano in pericolo la moralità pubblica e, soprattutto, non espongano i giovani ad una concezione erronea della sessualità e del matrimonio”.

Si riapre, in tal modo, la discussione sul registro delle unioni civili e delle coppie di fatto (dunque non solo coppie omosessuali). L’argomento fu inserito anche all’ordine del giorno dell’ultimo consiglio comunale ma non si giunse alla votazione. In quell’occasione si evitò di arrivare alla conta e si decise di rinviarne l’esame a nuova data per consentire un maggiore approfondimento sul tema così “delicato” grazie all’attivismo dell’associazione di cultura omosessuale salernitana “Federico Garcia Lorca”.

Quanto alla nota del vescovo (non si capisce se si tratta di una iniziativa personale o se invece risponde ad un indirizzo specifico dettato dal Vaticano rivolto a tutti i vescovi del mondo) Lorenzo Forte (Rifondazione) ribatte in una lettera aperta: “se il cardinal Ratzinger avesse affermato che chi si unisce con una persona dello stesso sesso va all´inferno sarebbe stata la stessa cosa. Ma a parte ciò che afferma il documento, invito l´arcivescovo della nostra città a limitarsi quando esprime la sua opinione sulle questioni politiche”.

“Condivido pienamente l´iniziativa di monsignor Pierro – spiega dal canto suo Alessandro Cavallo, consigliere del partito di Rutelli e di De Mita –. Il suo è un consiglio fraterno. Voleva solo rinfrescarci le idee, un po´ confuse ultimamente”. Parimenti i consiglieri di Alleanza Nazionale hanno pubblicato una lettera di plauso a Pierro e di condanna per i gay in toto.

Non dimentichiamocene quando andremo a votare.

Questa è la cronaca politica; rimane il fatto storico ed ineludibile che un cardinale abbia preso le difese dei gay. Neanche a farlo apposta, Silvestrini sarà a Salerno il 21 settembre in occasione della festa patronale.

di Pasquale Quaranta

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...