Sassari: solidarietà col circolo gay chiuso

di

Rifondazione comunista solidale con il circolo chiuso per il rumore: «Il Borderline è una finestra sulla cultura», afffermano al circolo "Enrico Berlinguer".

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


SASSARI – Il circolo «Enrico Berlinguer» del Partito della Rifondazione Comunista esprime solidarietà al circolo Bordeline per il sequestro dei locali e per la conseguente sospensione di tutte le attività politiche e culturali che erano state precedentemente calendarizzate. «Al Bordeline – dicono i responsabili – va riconosciuto un insostituibile ruolo nella promozione di politiche di accettazione delle diversità nel quadro di attività che non trovano un corrispondente in tutta la città di Sassari».

«Sottolineando l’impossibilità di assimilare il Borderline a qualsiasi altro circolo di Sassari fittiziamente definito culturale, è importante chiedere con urgenza la riapertura di tutti gli spazi sotto sequestro. Sono stati soppressi rilevanti iniziative politiche e culturali: due dibattiti sulle prospettive di pace in Palestina, un ciclo di mostre di arte visiva e plastica, la rassegna tematica sul cinama gay e lesbico, i laboratori teatrali, le riunioni di vari gruppo politici extraparlamentari. In relazione al ruolo di enorme utilità sociale dei servizi messi a disposizione del Bordeline probabilmente in molti ricorderanno che da questo irrinunciabile spazio dipendono le campagne informative sull’Aids, il telefono amico e di informazione sull’Aids, il consultorio sulle problematiche della sessualità, il telefono dell’Agedo, tutti i servizi offerti gratuitamente organizzati, autofinanziati e portati avanti con l’impegno volontario dei soci del circolo.

Ci si chiede se una realtà di indiscutibile valore politico, sociale e culturale possa divenire così scomoda da rappresentare una minaccia per i benpensanti e le loro fragili certezze e divenire in questo modo oggetto di un’azione che trova, nei tre decibel superati, un insperato pretesto per decretare la chiusura totale non solo dell’ambito ricreativo ma di tutto quello che ruota attorno al Bordeline».

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...