Sentenza storica: due uomini con un rapporto stabile sono famiglia

di

Giudice di Treviso segna un passaggio importante. Romani: "Ecco la vera famiglia naturale"

7647 0

Due uomini che vivono insieme in un rapporto stabile e duraturo possono essere considerati famiglia. È ancora una volta la sentenza di un tribunale a segnare una pagina storica nel cammino verso l’uguaglianza delle coppie gay con quele etero. Questa volta, succede a Treviso, dove il giudice civile ha dato ragione a Giuseppe, 79 anni, che aveva fatto istanza per potere conservare le ceneri di Sergio, l’uomo con cui aveva convissuto per più di 25 anni condividendo ben più che la casa. Dopo la morte di Sergi, Giuseppe aveva chiesto al comune di poter custodire lui le sue ceneri, ma il comune aveva negato la possibilità perché tra i due non c’erano rapporti di parentela o familiari. Non riconosciuti dalla legge, quanto meno.

Il giudice di Treviso, invece, ha decretato il contrario, riconoscendo “la rilevanza giuridica e la dignità stessa del rapporto di convivenza”. “Escludendosi che con la locuzione familiare si faccia riferimento esclusivamente ai parenti – scrive nella sentenza il giudice Barbazza – questo giudice ritiene necessario estendere l’interpretazione del termine familiare anche al convivente more uxorio”.

“Giunge con notevole tempismo il pronunciamento del Tribunale civile di Treviso – commenta Flavio Romani, presidente di Arcigay -. Da notare il ricorso dei giudici al concetto di “famiglia naturale”: è proprio in virtù di questa idea, vincolata all’esistenza di un rapporto affettivo stabile tra i partner equiparabile a quello coniugale, che il tribunale si è pronunciato a favore del riconoscimento. Un vero e proprio schiaffo per quei politici che in queste settimane si stanno adoperando per promuovere istanze a favore, appunto, della “famiglia naturale”, intesa però nell’accezione retrograda e discriminatoria che comprende solo le coppie eterosessuali”. “La natura, invece, non discrimina – continua Romani – e chi usa il termine “naturale” per costruire steccati mette in campo la più artificiosa e ignobile delle operazioni, oltre che la più “innaturale”. Questo dovrebbero tenerlo bene a mente tanto gli eletti delle Regione Veneto che hanno sostenuto istanze medievali in tema di “famiglia naturale”, quanto i consiglieri comunali di Faenza , che solo tre giorni fa hanno dato il loro assenso all’ormai famigerato odg contro le famiglie formate tra persone dello stesso sesso”.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...