SESSO DI TRUPPA

di

Ecco Articolo 28, associazione di maschi omosessuali in uniforme la cui principale attività consiste in uscite di gruppo organizzate con rigida disciplina militare, tra addestramenti e…

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
940 0
940 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Clicca qui per la galleria di foto

Mimetica, anfibi e… preservativi. Ecco l’equipaggiamento base dei membri di Articolo 28, associazione di maschi omosessuali con gusti fetish-uniform, la cui principale attività consiste in uscite in gruppo organizzate seguendo la rigida disciplina militare, con addestramenti, simulazioni di attacchi, corsi di sopravvivenza, e anche sesso.

Il fondatore e comandante di questa gaya truppa è il Colonnello Davide, milanese 43enne, di professione medico. E’ lui che si occupa anche dell’organizzazione delle uscite: la prossima sarà addirittura della durata di tre notti e quattro giorni, nel ponte tra il 25 e il 28 aprile. In quell’occasione ci sarà anche l’arruolamento delle reclute, ed è prevista la partecipazione di circa 25 persone.

A lui abbiamo chiesto di parlarci del gruppo, cominciando dalla sua fondazione.

«Avevo il desiderio di condividere con qualcuno le mie fantasie relative all’ambiente militare, e, dopo aver pubblicato qualche annuncio e aver fatto qualche uscita in tre o quattro persone, finalmente nel settembre del 2001, riuscii ad organizzare la prima vera uscita con il primo arruolamento di 10 persone, e nel raduno di dicembre del 2001 c’erano già 18 nuovi arruolati. E’ stata la prima volta in cui siamo riusciti ad organizzarci come una vera caserma: abbiamo fatto molto sport, sempre camminando sul filo del rasoio dell’erotismo».

In cosa consiste l’arruolamento?

Come in tutte le caserme, il momento dell’arruolamento prevede il superamento di alcune prove, sia di tipo medico, con una visita specialistica di tipo militare, che di tipo attitudinale, con particolari prove fisiche che si svolgono durante il raduno.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...