Sieropositivi: un registro che non convince

di

Si moltiplicano le voci contrarie al progetto di istituire un registro delle persone infette da Hiv: parlano Grillini, Manassero della Lila e Lo Giudice.

560 0

ROMA – «Mi piacerebbe fare un sondaggio tra gli italiani con la seguente domanda: `Se fossi sieropositivo, ti fideresti che i tuoi dati personali finissero in un elenco nazionale delle persone che hanno contratto l’Hiv?’. Chissà quali sarebbero le risposte». Se lo chiede ironicamente (pensando che i sì non sarebbero certo la maggioranza) il deputato Ds Franco Grillini, manifestando tutte le sue perplessità in merito alla proposta di istituire un registro nazionale delle persone sieropositive, rilanciata con molta convinzione in questi giorni dai medici della commissione nazionale Aids e valutata positivamente anche dal ministro della salute Sirchia.
«Le motivazioni della proposta – afferma ancora Grillini – possono anche essere fondate da un punto di vista scientifico, e in effetti già esistono registri del genere per altre malattie infettive. Il problema è che l’Hiv non è un virus qualunque e che le persone sieropositive sono già abbastanza spesso oggetto di discriminazioni. Servirebbero quindi vere garanzie, che al momento non mi pare ci siano, su come i dati contenuti in questo famoso elenco verrebbero gestiti, da chi, con quali possibilità di accesso e con quali meccanismi di salvaguardia».
Piuttosto preoccupato si definisce anche Filippo Manassero, portavoce nazionale della Lega italiana per la lotta all’Aids, che pure, come altre associazioni, riconosce un’utilità pratica all’istituzione del registro. «Quello che mi sembra più allarmante – afferma – è il clima politico nel quale questa discussione sta avvenendo, molto segnato da tentazioni sempre più forti di controllo sociale. La cosa riguarda già anche il tema dell’Aids. Mi riferisco per esempio ad alcuni piani sanitari regionali, come quello del Lazio, dove al capitolo Aids si mette all’ultimo posto l’attività di prevenzione così come la conosciamo e si parla più volentieri di individuazione delle persone sieropositive e di controllo dei comportamenti. Si dicono cose ambigue e poco chiare, che in pratica possono avere soltanto l’effetto di allontanare ulteriormente le persone dai servizi sanitari. E teniamo presente che già oggi la maggior parte delle persone infettate dall’Hiv non sa di esserlo perché non va a fare il test».
Del rischio di un effetto boomerang parla anche il presidente nazionale di Arcigay Sergio Lo Giudice, secondo il quale le informazioni finora diffuse hanno soltanto fatto aumentare i timori di una schedatura di massa. La notifica obbligatoria dei casi di sieropositività (premessa indispensabile alla creazione del registro) esiste già in diverse regioni italiane, nel quadro di una sperimentazione avviata qualche anno fa con il consenso della consulta delle associazioni del volontariato che si occupano di Aids. Un registro nazionale, si dice, porrebbe maggiori problemi, ma la questione vera appare la scarsissima fiducia nei confronti del potenziale uso delle informazioni da parte delle autorità pubbliche.

Leggi   Hiv, in Sicilia infezioni su del 18,61%: "C'è poca informazione"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...