Solidarietà a Torre del Lago

di

Dopo l'aggressione razzista ed omofoba ai giovani gay a Torre del Lago, scattano le prese di posizione e la solidarietà.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
802 0

L’aggressione a tre giovani gay avvenuta a Torre del Lago domenica sera suscita le indignate reazioni delle forze politiche. Mentre dall’Arcigay ci hanno confermato un positivo e fattivo incontro con il Commissariato di Viareggio, che ha promesso una particolare attenzione affinchè episodi come quello di domenica non si ripetano, ci sono da registrare alcune, importanti, reazioni.

Ieri il sindaco di Viareggio, Marco Marcucci, aveva manifestato tutto il proprio sdegno per i fatti occorsi e solidarizzato con la comunità gay. Su suo incarico, Cristina Boncompagni, assessora alla Cultura, aveva telefonato al presidente di Arcigay, Alessio De Giorgi, per informarsi sugli eventi e per capire se come l’amministrazione poteva intervenire.

Si esprimono contro il grave gesto, definito «razzista», il presidente e i capigruppo della circoscrizione e anche il partito dei Comunisti italiani. I responsabili della circoscrizione condannano «ogni tipo di violenza razzista, ribadendo altresì — come si legge in una nota congiunta — la necessità di una maggiore vigilanza da parte delle autorità competenti. Auspichiamo inoltre — scrivono ancora — che avvenga l’ndividuazione dei responsabili al più presto».

In conclusione viene sottolineato «che il paese di Torre del Lago Puccini, come più volte dimostrato, non è assolutamente intollerante e tanto meno razzista».

Questa presa di posizione, rilevano in Arcigay, "senza ma e senza se" è particolarmente importante perchè fu proprio l’attuale maggioranza della circoscrizione, monocolore di una lista civica legata alla Pro Loco di Torre del Lago, che negli anni passati aveva fatto della lotta contro il turismo gay uno dei punti centrali della propria piattaforma di governo. Peraltro, dicono con un sorriso in Arcigay, "senza alcun risultato perchè grazie al cielo siamo in uno stato di diritto".

Andrea Genovali, segretario di federazione del Pdci sostiene che il «grave atto razzista e omofobico» sarebbe figlio «di esasperazioni e atteggiamenti politici gravemente lesivi della dignità delle persone dei quali la destra viareggina e versiliese da tempo si è fatta promotrice e sostenitrice. Basti ricordare — prosegue — i fatti gravi di due estati fa in occasione di Friendly Versilia dove la destra cavalcò in modo demagogico e razzista la polemica contro l’effettuazione di questa manifestazione a Torre del Lago e vi fu una contromanifestazione di protesta che giunse quasi a un tragico linciaggio di piazza degli omosessuali». Il Pdci esprime solidarietà nei confronti degli aggrediti e «invita le forze dell’ordine e le forze politiche e sociali alla massima all’erta nei confronti di un clima politico che si sta trasformando rapidamente in senso violento e aggressivo contro i diversi».

Leggi   Il frontman mormone degli Imagine Dragons con una bandiera rainbow: "Avete il mio sostegno"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...