Spagna: giuristi, nozze gay come tra uomo e bestia

di

La Commissione di studio del Consiglio generale del potere giudiziario spagnolo ha approvato a maggioranza un rapporto che respinge il progetto di legge governativo sul matrimonio omosessuale.

MADRID – La Commissione di studio del Consiglio generale del potere giudiziario (Cgpj) spagnolo ha approvato a maggioranza un rapporto che respinge il progetto di legge governativo sul matrimonio omosessuale ponendone in dubbio la costituzionalità ed equiparandolo a quello “fra un uomo e un animale”.
“Chiamare matrimonio l’unione di persone dello stesso sesso è un cambiamento radicale, come sarebbe chiamare matrimonio l’unione di più di due persone o l’unione fra un uomo e un animale”, si legge nel rapporto pubblicato dai media.
Il rapporto del Cgpj, che dovrà essere approvato dal plenum del Consiglio il 26 gennaio, ha fatto dire all’opposizione Popolare (Pp) che è ora necessario che il governo ritiri il testo di legge che già aveva trovato l’obiezione del Consiglio di stato in tema di costituzionalità.
Il ministro della giustizia Juan Fernando Lopez Aguilar ha tuttavia ribadito che malgrado il rapporto non vincolante del Cgpj, il governo mantiene l’impegno preso con gli elettori e andrà avanti con il progetto di legge sul matrimonio gay per garantire “la libertà con eguaglianza”.
Il segretario dei Movimenti sociali e relazioni con le Ong del Partito socialista (Psoe), Pedro Zerolo, ha definito “un insulto alla dignità delle persone” il paragone col matrimonio tra “uomo e animale” affermando che nell’insieme il rapporto del Cgpj è “reazionario e omofobo”.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...