Spagna: un popolare propone il matrimonio gay

di

Il sindaco di Vitoria e deputato al Congresso del partito cristiano-democratico di maggioranza, sostiene una proposta per i matrimoni gay, in contrasto con la linea del suo partito.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Il sindaco di Vitoria, Alfonso Alonso, del Partito Popolare, ha scandalizzato il suo partito venerdì scorso dichiarandosi sostenitore della richiesta presso il Congresso dei Deputati e il Parlamento basco, per la tutela giuridica del matrimonio tra gay. E’ la prima volta che una proposta di questo tipo viene da un rappresentante della formazione cattolica spagnola guidata dal premier José Maria Aznar, responsabile in passato di aver bloccato molte proposte analoghe giunte in Parlamento.

L’annuncio è stato dato dallo stesso Alonso durante una conferenza stampa convocata venerdì a Vitoria, la capitale dei Paesi Baschi di cui è sindaco da due anni, oltre ad essere deputato al Congresso di Madrid. Alonso, avvocato, 34 anni, sposato e padre di due bambini, ha spiegato che proporrà lunedì in consiglio comunale una proposta sull’uguaglianza delle coppie gay e eterosessuali.

«Quello che propone il comune di Vitoria – ha spiegato il sindaco – non è nel mio programma elettorale. Ma non vedo la ragione per cui si debba inventare una specie di "sostituto" del matrimonio, cioè una legge sulle coppie di fatto. Alla fine, ciò che non si vuole riconoscere, è la possibilità per i gay di sposarsi». Continua il sindaco: «In primo luogo gli omossessuali si devono poter sposare per buon senso, perchè ci deve essere uguaglianza di diritti per i cittadini. E poi perchè in Paesi come Germania e Olanda questo diritto è già una realtà».

«Lodo il coraggio di Alonso – ha dichiarato Pedro Zerolo, presidente della Federazione dei gay e delle lesbiche -. E’ necessario che i popolari la smettano di bloccare alla Camera le unioni civili tra omosessuali e seguano l’esempio dei loro sindaci, i quali, essendo a contatto con i cittadini, si rendono conto che il matrimonio tra gay è una rivendicazione giusta e legittima».

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...