Sudafrica: vescovi contro l’uso del preservativo

di

I vescovi cattolici dell'Africa del Sud hanno condannato oggi l'uso del preservativo nella lotta all'epidemia di Aids che colpisce il continente, sostenendo che il suo uso è immorale...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


La Conferenza episcopale del Sud Africa ha chiuso un’assemblea di sette giorni denunciando l’uso dei profilattici, che a detta dei vescovi distruggerebbero la fibra morale e incoraggerebbero il sesso occasionale.

"I vescovi guardano alla diffusione e alla promozione indiscriminata dei preservativi come un’arma immorale e incauta nella nostra battaglia contro l’HivAids", ha dichiarato la Conferenza in un comunicato emesso al termine dei colloqui a Pretoria, capitale sudafricana.

L’Africa subsahariana è l’epicentro della diffusione mondiale dell’Aids, con circa 25 milioni di malati. Il Sud Africa conta il maggior numero di malati di ogni altro Paese, con circa 5 milioni di sieropositivi. Il vicino Botswana ha il primato del più alto tasso di infezione tra gli adulti, di cui oltre un terzo sono positivi all’Hiv.

Gli operatori della sanità e gli esperti di Aids, tra cui alcuni esponenti religiosi, hanno fatto appello a un più ampio utilizzo del preservativo in Africa, come uno dei punti vitali dei programmi che puntano a rallentare la diffusione della malattia.

"I profilattici possono essere rappresentare una delle cause principali della diffusione dell’HivAids. A parte la possibilità che i preservativi siano fallati o utilizzati nel modo sbagliato, essi possono contribuire a ridurre il self-controllo e la fiducia reciproca", dicono i vescovi.

La Conferenza ha invitato i giovani a non perdere la cautela a causa delle offerte di preservativi, ad astenersi dal sesso prima del matrimonio e a essere fedeli al coniuge.

di Nadir notizie

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...