Sydney: arcivescovo rifiuta comunione ai gay

di

"Dio ha creato 'Adamo ed Eva' non 'Adamo e Stefano'", ha detto l'arcivescovo cattolico di Sydney George Pell che ieri ha rifiutato la comunione a una ventina di...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


SYDNEY – L’arcivescovo cattolico di Sydney George Pell ha rifiutato ieri la comunione a una ventina di parrocchiani gay e lesbiche, membri del ‘movimento della sciarpa arcobaleno’ che erano in fila con gli altri fedeli.

Pell ha detto alla congregazione nella cattedrale di St. Mary che Dio ha creato "Adam and Eve, not Adam and Steve" e che da ciò derivano importanti conseguenze. "La nostra tradizione religiosa giudeo-cristiana consente a uomini e donne l’espressione sessuale entro la vita familiare, una sessualità che dona la vita. Gli atti omosessuali sono contrari alla legge naturale, escludono il dono della vita", ha detto.

è la prima volta che gli attivisti della ‘fascia arcobaleno’ tentano di ricevere la comunione dall’arcivescovo Pell da quando è stato nominato alla diocesi di Sydney un anno fa. Come arcivescovo di Melbourne aveva rifiutato loro la comunione almeno 10 volte.

"Siamo qui per infrangere il codice di silenzio e invisibilità che la chiesa impone alle persone gay e lesbiche da secoli come prezzo di appartenenza alla chiesa", ha detto all’uscita dalla cattedrale il portavoce dei ‘Rainbow Sash’ ed ex francescano Michael Kelly. "Non basta più che un piccolo gruppo di uomini anziani e celibi prenda decisioni morali per centinaia di milioni di persone. Le nostre voci debbono essere udite", ha aggiunto Kelly, promettendo che gli attivisti continueranno a battersi per ricevere la comunione.

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...