Teatro: Franca Rame nei panni di una lesbica

di

Anteprima per il nuovo spettacolo di Franca Rame, due atti unici nel primo dei quali racconta il tentativo di suicidio di una donna in carriera che dichiara all'ex-marito...

702 0

Franca Rame nei panni di una lesbica. Applausi scroscianti e una platea strapiena ha accolto il nuovo spettacolo di Franca Rame e Dario Fo presentato sabato sera al teatro Sociale di Finale Emilia (Modena) in prima nazionale (ma Dario Fo, apparso in proscenio a sipario ancora chiuso all’inizio della serata ha tenuto a precisare che più che una prima si trattava di una anteprima).

Lo spettacolo si snoda in due atti unici interpretati da Franca Rame e scritti da Dario Fo e dalla stessa Rame: ma, ha spiegato il premio Nobel per la letteratura Fo, «si tratta di una ripresa di testi di qualche anno fa, che sono stati completamente riscritti e riveduti. Un lavoro per noi molto difficoltoso».

Nel primo atto unico, "Una giornata particolare", la Rame è Giulia, donna in carriera, con una vita professionale di successo e una relazione matrimoniale fallita. Infelice, la donna decide di suicidarsi, non senza lasciare all’ex-marito un messaggio videoregistrato in cui gli rivela di essere diventata lesbica. La situazione, intrisecamente tragica, ha un crescendo di grottesco e persino di comico grazie all’intervento persistente del telefono che non smette di squillare interrompendo ogni volta i propositi della protagonista.

Nella seconda pièce, "Grasso è bello" Mattea, donna grassa impegnata ad aiutare altri obesi, si confronta con la figlia magra: un incontro generazionale e di stazza non privo di spunti comici.

Lo spettacolo con i due atti unici "Una giornata qualunque" e "Grasso è bello" replicherà da stasera a giovedì al teatro Michelangelo di Modena, per poi partire per una lunga tournée nei principali teatri italiani.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...