Teologi di Milano condannano violenza omofoba

di

Il Centro Studi Teologici condanna la vile aggressione ai danni dei cinque giovani gay di Torino ed invitano il Sindaco, l'Arcivescovo e le comunità cristiane a condannare il...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


MILANO – «La vile aggressione ai danni dei cinque giovani gay di Torino è un atto di grave intimidazione razzista che svilisce non soltanto le vittime ma la stessa dignità umana delle persone che l’hanno compiuto». A lanciare la pesante condanna è il Centro Studi Teologici di Milano, dopo la conferenza stampa con cui i ragazzi che alcune sere fa hanno subito una aggressione in un noto locale di Torino, al grido di "Finocchi di merda". «La cosa più grave – afferma Mapelli, portavoce del Centro -è la denuncia dell’indifferenza e del silenzio che ha circondato il fatto inaudito: i cittadini presenti sulla piazza non hanno reagito, nè hanno chiamato le forze dell’ordine».

«La Città di Torino – afferma ancora il Centro Studi – deve reagire con forza ed unità a questi gesti compiuti da giovani intolleranti, intrisi di disprezzo e di una subcultura della forza e del mito di una "normalità", inteso come società dei forti che persegue la segregazione di tutte le minoranze sociali e culturali».

Il Centro Studi Teologici ha anche rivolto una richiesta al Sindaco di Torino Chiamparino, alla Giunta Comunale e all’Arcivescovo Cardinale Severino Poletto e alle sue Comunità cristiane, in cui chiede che queste istituzioni condannino «questa violenza giovanile che crede di interpretare i sentimenti di "giustizia" e di avere il plauso sociale quando calpesta l’umanità delle persone omosessuali, ritenute degne soltanto di pestaggi e insulti».

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...