Tesco assicura: “A fianco dei nostri dipendenti lgbt”

di

Nonostante il boicottaggio lanciato dal Christian Institute l'azienda ha assicurato il suo supporto per il Pride ad "Out At Tesco" e ad iniziative che portino "reali benefici alla...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
797 0
797 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Dopo l’appello al boicottaggio lanciato dal Christian Institute contro la nota catena di grandi magazzini Tesco per il loro supporto alle attività della comunità lgbt britannica, molte persone hanno chiesto che Tesco facesse chiarezza e spiegasse come intende rispondere.

Un protavoce dell’azienda, che conta più di mezzo milione di dipendenti in tutto il mondo, ha dichiarato a PinkNews: "Abbiamo letto alcune notizie in merito e ci stupisce che i nostri clienti abbiano potuto pensare che l’azienda non sia completamente impegnata con l’associazione ‘Out At Tesco’ e con i nostri dipendenti lgbt.

La tolleranza e l’inclusione sono cruciali sia dentro che fuori dai nostri affari e continueremo a supportare ‘Out At Tesco’ al prossimo Pride". "Di solito però – ha spiegato il portavoce – preferiamo finaziare attività che portino benefici reali, invece che sponsorizzare eventi. Pensiamo sia un approccio ragionevole e discuteremo il modo migliore per attuarlo con i nostri colleghi di ‘Out At Tesco’, come sempre". Le polemiche del Christian Istitute nascevano dalla notizia secondo la quale l’azienda avrebbe finanziato l’allestimento di un’area per le famiglie al Pride di Londra del 2012.

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...