Tim Cook fa coming out: “Sono orgoglioso di essere gay”

di

Il CEO di Apple per la prima volta si dichiara: "Voglio fare qualcosa di importante".

5148 0

Non che la notizia sorprenda nessuno: era cosa nota. Ma mai prima di ora il CEO di Apple Tim Cook aveva dichiarato pubblicamente la propria omosessualità. “Fatemi essere chiaro: sono orgoglioso di essere gay e lo considero uno dei più grandi doni che Dio mi ha dato” ha dichiarato Cook in un articolo pubblicato da Business Week. Un coming out atteso, non inaspettato, perché, come sempre accade, quando a dichiarare la propria omosessualità sono personaggi famosi, stimati e di successo, tutto assume un valore per le persone lgbt che quotidianamente affrontano la discriminazione. A riconoscerlo è lo stesso Cook che ha scritto nel suo articolo che no, non è stato facile decidere di dichiararsi pubblicamente, ma che ha scelto di farlo sapendo che questo potrà aiutare altre persone.

“Ho capito che il mio desiderio di privacy – ha scritto Cook – mi stava impedendo di fare qualcosa di importante”.

Qualche giorno fa, il CEO di Apple aveva chiesto al suo paese d’origine, l’Alabama, di impegnarsi per riconoscere i diritti delle persone lgbt. L’Alabama è uno degli stati degli Usa che ancora non consente i matrimoni egualitari.

“Essere gay mi ha dato una comprensione più profonda – ha scritto Cook -ed è stato un’osservatorio sulle sfide che le persone di altre minoranze affrontano tutti i giorni”.

Lo scorso anno, la rivista Out aveva classificato Cook come il gay più potente d’America , mentre ormai da tempo è considerato il gay più potente della Silicon Valley .

Leggi   Addio a Lil Peep: il rapper newyorkese aveva 21 anni
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...