Titti De Simone: la dolce rivoluzione di Nichi

di

Titti De Simone, deputata di Rifondazione Comunista, commenta la vittoria di Nichi Vendola in Puglia salutandola come «l'annuncio di un altro mondo possibile».

581 0

ROMA – «Il voto del 3 e 4 aprile è un vero e proprio terremoto politico che segnala la crisi profonda del centrodestra e delle sue politiche liberiste sul solco di un processo democratico e partecipato alla politica, aperto dalle lotte e dai conflitti dei movimenti». Così Titti De Simone, deputata di Rifondazione Comunista, commenta la vittoria di Nichi Vendola in Puglia salutandola come «l’annuncio di un altro mondo possibile, di una primavera che dal sud ha contaminato e contaminerà gli scenari futuri del paese. Una vittoria politica e culturale, che ricostruisce un nuovo immaginario collettivo in cui radicalità e diversità sono paradigma di una alterità alla disumanità del liberismo, al razzismo, all’omofobia, al primato della disuguaglianza di cui è portatrice la globalizzazione».
«Nichi – scrive ancora la deputata comunista – interpreta anche l’alfabeto di una narrazione profonda, ancorata alla straordinaria ribellione del pensiero meridiano, che ha il volto radicale della domanda di libertà e legalità. La politica può rinascere, e affidare la propria missione trasformatrice nell’intreccio fra una leadership e la gente, rompendo distanze, separazioni, esclusioni costruite seguendo logiche autoritarie. La politica può rinascere nella costruzione di questa nuova cultura politica, di orizzonti grandi di cittadinanza plurima. Viene da qui e non per caso, ma per storia. E ce ne siamo accorti in migliaia già il giorno del Gay Pride di due anni fa quando Bari e la sua gente accolsero con bellezza quella straordinaria giornata di liberazione».
«La vittoria di Nichi – conclude Titti De Simone – ci consegna alla rinascita di valori, ideali, relazioni, un nuovo umanesimo fondativo della politica. Al centro la persona, i suoi sogni, il suo diritto alla felicità. Con Nichi vince una Puglia diversa a cui diciamo grazie. E’ un sogno che si realizza e parla a tutti di una possibile differente civiltà, in Europa e nel mondo. Tanti auguri carissimo compagno».

Leggi   Nichi Vendola: "Viviamo in una giungla di discriminazioni"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...