Tony Briffa, il primo sindaco intersex

di

Ha vinto la sfida elettorale di una città australiana. Nato con una disfunzione degli organi sessuali che lo portarono a crescere come bambina e poi come uomo, oggi...

2977 0

Quando nacque, il dottore che seguiva la madre durante il parto non riuscì a stabilire il suo genere. Tony Briffa, questo il suo nome, aveva una rara condizione di intersessualità nota come "femminilizzazione testicolare" che causa un rilascio di estrogeni nonostante la presenza di attributi maschili. Il consiglio del medico ai genitori fu quindi quello di crescere Tony come Antoinette, una bambina.

Le frequenti visite in ospedale per una terapia a base di ormoni femminili lo fecero però sentire un mostro: i suoi genitori lo castrarono all’età di 7 anni nonostante confessò loro di sentirsi un maschietto e in età adolescenziale dovette affrontare istinti suicidari. Una volta adulto, Briffa sposò quello che all’epoca era il suo ragazzo ma la cosa non durò a lungo: era attratto dalle ragazze e pensò di essere lesbica. Il suo corpo, però, non essendo avendo attributi femminili completi, non lo faceva sentire a proprio agio.

Dopo essere diventato genitore adottivo di due bambini, decise di scendere in politica e dopo aver perso due tornate elettorali, ha finalmente vinto la campagna elettorale diventando sindaco di Hobson’s Bay, nello stato australiano di Victoria. Sul suo sito web ha scritto: "Adesso sono molto a mio agio con la mia natura. Non sono maschio e non sono femmina, ma entrambi. Sono grato per gli anni in cui sono cresciuto da ragazza. Sono ancora ‘Antoinette’ ma anche ‘Tony’. Ora sono completo. Continuerò a vivere come Tony ma sono a un punto della mia vita in cui posso celebrare l’orgoglio della differenza."

Leggi   Jessica Platt, giocatrice di hockey canadese fa coming out: 'sono un'atleta transgender'
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...