TRE GIORNI NEL MONDO LEATHER

di

Una irripetibile full-immersion nel mondo del fetish, del rubber e della pelle gay: tra moto e muscoli, tra feste e abbigliamento estremo, ecco il primo Leatherfest europeo in...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
509 0
509 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


L’evento si annuncia epocale: il più importante incontro a livello europeo della comunità Leather-Fetish quest’anno sarà ospitato dall’Italia, e più precisamente dal Trap di Brescia, dal 25 al 27 maggio. Quindi, se la cosa vi interessa, affrettatevi!

Diamo un’occhiata al programma: tutte le iniziative si svolgeranno presso i locali del Trap di Brescia, in via Castagna 55, Zona Ind. Dogana, locale che ospita periodicamente gli appuntamenti della più attiva associazione leather italiana, quel Moto Leather Club Veneto che Gay.it ha presentato qualche tempo fa in un’intervista.

Il MLCV aderisce all’Ecmc, l’organizzazione europea dei club Leather, che ogni anno organizza un appuntamento di punta a livello continentale. L’appuntamento che quest’anno si svolgerà a Brescia, appunto.

Nei tre giorni della Leatherfest 2001, ci sarà di tutto, ma soprattuto ci sarà molta pelle, molte uniformi, molta gomma, insomma tutte quegli ingredienti che rendono il mondo Leather riconoscibile ovunque. Il dress code, infatti, sarà obbligatorio praticamente sempre… anche per fare la doccia!

E questo è il bello di tuffarsi per tre giorni in un evento assolutamente inconfondibile.

Le iniziative partiranno venerdì 25 maggio, a partire dalle 22, con una serata di benvenuto durante la quale sarà inaugiurato il nuovo spazio Trap Gallery, con la mostra fotgrafica "Il mondo leather fetish italiano, realtà e fantasia". La mostra seguirà una storia del movimento leather in Italia, attraverso 30 immagini scattate da uno dei suoi pionieri in assoluto, quel Tiziano Bedin del Mlcv che Gay.it ha intervistato alcuni mesi fa.

Il giorno dopo, tutti a cavallo della moto, per un giro delle valli bresciane, tanto per confermare quell’apparentamento tra mondo leather e motociclisti che anima buona parte dell’immaginario gay anti-fashion. Il tour, che prevede una sosta per il pranzo, porterà i machissimi e gayissimi bikers fino sulle sponde del Lago di Garda, in un itinerario incantevole, soprattutto per quei numerosi stranieri che saranno presenti e che non conoscono le bellezze della nostra natura…

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...