Tre italiani vagano completamente nudi per Barcellona: è scandalo

di

C'è chi pagherebbe per vedere più spesso scene simili. Non la pensano così gli abitanti...

17528 0

“Non è una storia inventata. Qui i turisti fanno quello che vogliono” è la denuncia Vicenç Forner, residente a Barceloneta, quartiere turistico fra i più famosi del capoluogo catalano.

In base al suo racconto, un gruppo di turisti italiani (tenete a mente questo dettaglio perché ci servirà dopo) si sono divertiti a passeggiare completamente nudi, entrando nei negozi e facendo schiamazzi. Nemmeno la polizia è riuscita ad intervenire: “non sa come comportarsi in questi casi”.

“Chi ha il pane non ha i denti e chi ha i denti non ha il pane” dice il proverbio. Molti di voi probabilmente accoglierebbero ben volentieri bravate come questa. Eppure per i cittadini è un vero e proprio problema

Un problema serio per gli abitanti che sono sempre più insofferenti.

Andrés Antebi, un altro abitante della zona: “Immagini di essere in quattro in casa con tre bambini, disoccupati, senza soldi per le vacanze – si sfogato con il quotidiano spagnolo – e ci tocca pure assistere a questi turisti che fanno festa. È insopportabile”.

Talmente insopportabile che un comitato di residenti ha organizzato una manifestazione per richiamare l’attenzione sugli eccessi del turismo e la qualità della vita.

In rete i commenti alla notizia sono i più svariati: da chi si schiera dalla parte degli abitanti, a chi giustifica i protagonisti “è solo una bravata”

Ecco alcuni commenti su Facebook: “Rovinano l’immagine dell’Italia” commenta Vittoria, “Un po’ di sane frustate e non correranno più nudi” gli fa eco Franco. C’è chi ironizza così: “Agli italiani non sono rimaste nemmeno le mutande” scrive Laura, “Perlomeno sono un gran bel vedere” se la ride un’altra ragazza.

Ma il commento definitivo è sicuramente quello di Dimitri: “E come hanno appurato che erano italiani? Dai documenti in tasca?”.

Leggi   La sindaca di Barcellona, Ada Colau: "Ho amato una donna italiana"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...