Trieste: cultura di tolleranza per il Pride

di

Il 31 maggio, alle 17.30, alla Casa delle culture di via Orlandini 38 si terrà il primo Alpe Adria Gay di Trieste, convegno cui sono stati invitati i...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Il 31 maggio, alle 17.30, alla Casa delle culture di via Orlandini 38 si terrà il primo Alpe Adria Gay di Trieste, convegno cui sono stati invitati i rappresentanti delle associazioni gay di Lubiana, Fiume, Zagabria, Klagenfurt. Si tratta di un appuntamento inserito nel programma della durata di due mesi, di iniziative di varia natura che preparano e precedono il Gay Pride di Padova dell’8 giugno.

Le iniziative sono state presentate ieri al Caffè Tommaseo da Marco Reglia e Nicola Soia, rispettivamente presidente e vicepresidente del Circolo Arcobaleno, che hanno sottolineato come quella in atto sia una vera e propria rivoluzione culturale mirata sul Triveneto: «E’ giunto il momento – hanno detto – di spostare il dibattito sulla diversità sessuale dai grandi centri come Roma e Milano per coinvolgere finalmente le periferie». Perciò gli appuntamenti del Gay-Pride toccano città come Padova, Verona, Vicenza e, appunto, Trieste, che per la sua collocazione geografica «e la particolare storia di città cosmopolita e tollerante» si avvia a diventare un faro delle diversità sessuali a ridosso dei confini del Nord-Est.

Tre gli appuntamenti triestini in attesa della grande sfilata di Padova. Domani, alle 17.30, alla Libreria Minerva in via San Nicolò 20 il Circolo Arcobaleno in collaborazione con il Gruppo Kairos Gay credenti presenta un convegno su «Persone omosessuali oggi: riflessioni teologiche». «Tentiamo di affrontare un argomento poco usuale – afferma Reglia -, che metterà a confronto chiesa cattolica e protestante». Tra i relatori, infatti, ci sono don Domenico Pezzini, sacerdote della diocesi di Lodi, e il pastore Gregorio Plescan, della comunità valdese di Venezia. Della realtà triestina parlerà don Mario Vatta.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...