Tutto pronto per il 3° Micro Pride a Piazza Navona

di

Nella serata in cui il Sindaco Gianni Alemanno fa visita per la prima volta al Gay Village, Roma torna a scendere in strada contro l'omofobia, armata di candele,...

522 0

Terzo appuntamento con il Micro Pride romano, pronto a rispondere alle provocazioni di estrema destra arrivate in settimana.

Se i rappresentanti della Comunità Militante Tiburtina si auguravano di vederci al Colosseo insieme ai leoni, questa sera saremo noi a portare i leoni a Piazza Navona, sede della fiaccolata di oggi! Per la prima volta, infatti, non ci sarà un corteo bensì un sit-in illuminato, dalle ore 21 alle ore 23 all’ombra del fontanone del Bernini, perché la comunità LGBT c’è, unita e coesa, fuori dei ghetti per riprendersi la città.

Sarà così una serata particolare, visto che non ci saranno discorsi “ufficiali”, ma uno spazio, una comunità e una città in ascolto: per la durata della fiaccolata, infatti, tutti quelli che parteciperanno potranno dire, leggere o cantare qualcosa, usando il megafono. Tre le uniche condizioni richieste:

* tre minuti per ciascuno

* si parla a titolo personale

* ognuno è responsabile di quello che dice

Saranno ancora una volta graditi solo simboli e bandiere rainbow, non collegati a partiti, associazioni ed altre istituzioni, con l’aggiunta di tanti leoni, leonesse, leoncini: di pelouche, di carta, di stoffa o disegnati. Ai beceri ed omofobi insulti rispondiamo così con la nostra solita autoironia, con la speranza che ancora più gente scenda in strada, rispetto al già trionfale 2° Micro Pride di venerdì scorso.

Tutto queso nella serata in cui il Sindaco di Roma Gianni Alemanno farà la sua prima visita ufficiale al Gay Village, commentata così da Imma Battaglia, leader storica del movimento lgbt e tra gli organizzatori del Village: "la visita del Sindaco Alemanno, dopo gli episodi di violenza omofoba di questa estate a Roma, è un segnale culturale importante per tutta la comunità gay oltre che un fatto di grande rilevanza politica. La vicinanza delle istituzioni e la trasversalità che si è creata dopo le aggressioni delle scorse settimane ha rappresentato una risposta concreta per isolare quanti esprimono violenza e odio. E’ importante che quest’impegno prosegua e in questo senso manifestazioni come la fiaccolata del 24 settembre sono importanti. Ma servono anche strumenti nuovi. Come un osservatorio contro l’omofobia e uno spazio che sia punto di riferimento stabile per la cultura gay e per il Gay Village. Per questo presenteremo al Sindaco Alemanno i dati di un sondaggio sul mondo gay che l’associazione Di Gay Project ha realizzato ogni anno al Gay Village ".

Dati che aspettiamo anche noi con estrema curiosità.

Leggi   Trans uccisa a Roma, domenica la commemorazione all'Eur
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...