UE: proposta per il diritto di asilo delle minoranze perseguitate

di

Nuova proposta della Commissione Europea sull'estensione del diritto di asilo anche ai gay che nel proprio paese subiscono violenze o abusi sessuali

572 0

Donne e uomini omosessuali che sono fuggiti dal proprio paese per violenze od abusi sessuali legati al proprio orientamento, potrebbero essere riconosciuti come rifugiati e veder riconosciuto il diritto di asilo dall’Unione Europea. Lo prevede una proposta avanzata giovedì dalla Commissione Europea.

In un documento che ha diffuso l’agenzia Reuters, la Commissione Europea, presieduta da Romano Prodi, sostiene che gli stati membri debbano garantire la protezione anche a coloro che sono vittime di persecuzioni, violenze e abusi nei paesi di provenienza, qualora le autorità di questi paesi non diano deliberatamente sufficiente protezione. La condizione di rifugiato, quindi, secondo la bozza proposta, non dovrà essere concessa solamente – come avviene già oggi – a chi è perseguitato dal proprio stato perchè omosessuale, ma anche a chi vive in un paese che non gli garantisce sufficiente protezione contro i crimini omofobici.

La proposta si pone anche l’obiettivo di far sì che gli stati membri diano tutti la stessa interpretazione dei cinque grandi terreni di persecuzione: razza, religione, nazionalità, appartenzenza ad un gruppo sociale o infine opinioni politiche. La Commissione ha anche detto esplicitamente che l’appartenenza ad un particolare gruppo sociale copre coloro che sono perseguitati a causa del proprio genere, del proprio orientamento sessuale o della propria età.

di Gay.com

Leggi   Cassazione: "Il profugo nigeriano è gay e quindi ha diritto all'asilo"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...