Uk: a scuola a lezione di coppie gay, contraccezione e Aids

di

Il ministero dell'Istruzione di Londra, considerato l'alto numero di gravidanze e di casi di mts tra gli adolescenti, ha deciso di rendere obbligatorie le lezioni di educazione sessuale...

I trentenni ricorderanno quando l’allora ministro alla Pubblica Istruzione Rosa Russo Jervolino mise al bando un fumetto di Lupo Alberto destinato alle scuole superiori che parlava di preservativi come strumento di prevenzione dell’Aids. Sono passati più o meno 16 anni da allora, ma l’argomento prevenzione ed educazione sessuale non ha ancora trovato la giusta collocazione nei programmi della scuola italiana.

A quanto scrive il "Timesonline", invece, le cose nel Regno Unito sono molto diverse. A partire dal prossimo anno scolastico, infatti, glialunni degli istituti secondari anglosassoni seguiranno lezioni sulle coppie gay, sulle unioni civili, sulla contraccezione e sulle malattie sessualmente trasmissibili, mentre i più piccoli delle scuole primarie (dai 4 agli 11 anni) si "limiteranno" ad imparare a conoscere il proprio corpo.

A deciderlo è stato, naturalmente, il ministero dell’Istruzione di Londra a seguito di uno studio sull’educazione sessuale nelle scuole commissionato a Alasdair MacDonald. Questo tipo di lezioni, poi, diventeranno obbligatorie a partire dal 2011 allo scopo di aiutare gli studenti inglesi dai 4 ai 16 anni a "navigare nelle complessità del mondo moderno". L’ordinamento scolastico attuale, adottato ormai dieci anni fa, prevede delle lezioni di Educazione personale, sociale, alla salute e all’economia (Pshe), ma lo studio del ministero ha rivelato che questo insegnamento è stato poco efficace dato l’elevato numero di gravidanze e i casi di malattie sessualmente trasmissibili riscontrati tra gli adolescenti anglosassoni. Naturalmente, il ministero ha deciso di correre ai ripari nel modo più intelligente: affrontando la realtà.

Leggi   Il primo ministro britannico Theresa May: "Vorrei i matrimoni gay anche in Irlanda del Nord"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...