Un altro studente si toglie la vita. È un 17enne americano

di

Ha aggiornato il suo status su Facebook con una frase di addio tratta dal Signore degli Anelli. Poi ha scritto un biglietto alla famiglia: "Mi dispiace non aver...

3106 0

Josh Pacheco, 17 anni, studente delle scuole superiori a Fenton, nello stato del Michigan, si è suicidato a causa delle vessazioni omofobe subite dai compagni. A spingerlo a compiere il tragico gesto, successo il 27 novembre ma venuto a galla solo oggi, sono state le continue preso in giro per la sua omosessualità oltre agli scherzi a cui è stato sottoposto come l’essere rinchiuso nell’armadietto. Appena due mesi fa aveva fatto il coming out con la madre che aveva preso bene la notizia. Il ragazzo si era però ben guardato dal coinvolgere la famiglia in quello che gli stava succedendo e non aveva confessato a nessuno di essere vittima di bullismo. Il segreto non ha fatto altro che aggravare la sua depressione fino a spingerlo a compiere il suicidio.

Come ultimo gesto, Josh aveva aggiornato il suo status su Facebook con una frase di Bilbo Baggins, protagonista del Signore degli Anelli: "Mi duole annunciare che questa è la fine. Io me ne vado. Vi saluto dal più profondo del cuore. Addio". Il fratello, subito allarmato, è corso a cercarlo ma ha trovato il suo corpo già senza vita dentro un furgone parcheggiato nel garage che aveva la serranda abbassata. Nel veicolo, acceso, un biglietto: "Mi dispiace non aver saputo essere più forte".

Il gesto di Josh ricorda quello di Andrea, il 15enne di Roma che si è tolto la vita per le vessazioni omofobe che sembra fosse costretto a subire al Liceo Cavour. Gli inquirenti hanno scartato la pista omofoba ma la madre del ragazzo ha chiesto chiarezza su eventuali episodi di bullismo di cui sarebbero stati a conoscenza sia amici che insegnanti del figlio che però non hanno riferito alla famiglia.

Leggi   "Essere gay è una brutta cosa", prof rinviato a giudizio
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...