UN CASTELLO TUTTO GAY

di

Vicino Gottinga. Da venti anni, libero centro d’incontro nel cuore della Germania. Con i finanziamenti pubblici.

914 0

BERLINO. “C’era una volta”: così cominciano le favole, che alla fine si concludono con “e vissero felici e contenti”. Anche questa favola comincia con un “c’era una volta”. C’era una volta è c’è ancora un insegnante, Rainer Marbach, gay: abitava in una cittadina della Germania famosa per la sua antichissima università, Gottinga: Ma, a parte l’università, era ed è purtroppo abbastanza noiosa. Nel 1981 Marbach ebbe un’idea: da un castello in mezzo alla foresta volle fare un centro di incontro e attività per i gay. Nel 2001 il castello festeggerà i venti anni di attività con celebrazioni in grande stile. Fin dalla sua apertura, Waldschloesschen si è occupato direttamente di Aids e ha offerto seminari, forse fra i primi, su come affrontare la malattia e tutte le sue conseguenze.

Oggi Marbach può essere più che orgoglioso: il castello ospita a ritmo continuo e con risonanza internazionale (è stato definito un fenomeno unico a livello europeo) iniziative gay con i temi più diversi (ma Marbach ci tiene a precisare che il castello è aperto ad ospiti di tutti gli orientamenti sessuali). Da un anno la regione ha deciso di riconoscere l’istituzione anche finanziariamente; molto deve forse ancora esser fatto, i restauri completati, cosa non facile visto che si tratta di un edificio sotto la protezione delle belle arti. Un team fisso al cui capo si trova Marbach stesso si occupa dell’organizzazione generale, perché quando il tutto viaggia a pieno ritmo ci vuole anche un bel po’ di cura per assistere almeno 70 persone. Le stanze sono molto accoglienti e, strano per i tedeschi ma vero, si mangia di lusso. Le manifestazioni vanno da workshops sulla salute psicofisica (AIDS, amore e desiderio sessuale, terapia di coppia, contatto fisico, invecchiare come gay ecc…), a seminari su emancipazione sessuale, omosessualità e discriminazione. Si cura la forma fisica con sedute di wellness, ma anche quella mentale con musica da camera due volte all’anno (il castello è fornito di un pianoforte verticale e di uno a coda).

Si affrontano temi politici e giornalistici, si tengono corsi corsi di lingue straniere, imprenditoria omosessuale, training di comunicazione per gay e naturalmente il classico incontro degli insegnanti gay durante le vacanze di Pentecoste. Il castello è circondato da una foresta con alberi ad alto fusto e fornito di una comoda sauna: dunque anche adatto ad una vacanza rilassante. Con prezzi più che convenienti. Dopo l’approvazione del “matrimonio” gay da parte del parlamento tedesco, si può concludere questa storia con un “e vivranno felici e contenti”, almeno molto più contenti di prima visto che hanno anche un castello da favola tutto per sé.

Per informazioni:

Heimvolkshochschule

Freies Tagungshaus Waldschloesschen e.V.

37130 Reinhausen bei Goettingen

Tel. 0049 (0) 5592 / 382

Fax: 0049 (0)5592 / 1792

Email: waldschloesschen@t-online.de

di Emanuele Sgherri – da Berlino

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...