“Un Presidente della Repubblica gay? Forse c’è già stato”

di

A dirlo è Ivan Scalfarotto in un'intervista rilasciata alla Stampa a pochi mesi dalle elezioni europee alle quali potrebbe essere candidato nelle liste del PD.

804 0

I soliti bene informati lo danno come candidato del Pd alle prossime elezioni Europee, ma nella lunga intervista rilasciata a "La Stampa" di questo Ivan Scalfarotto non fa cenno. In molti ve lo ricorderete come l’outsider, il giovane sconosciuto, gay, che ebbe la sfrontatezza di sfidare Prodi, Bertinotti, Di Pietro e Mastella alle primarie che poi vinse il professore bolognese, nel 2005. Coesrente con quella storia, adesso milita nel Pd ed è tra i giovani più attivi insieme, per esempio, a Debora Serracchiani e Matteo Renzi

Insomma, è tra coloro cui tutti guardano come l’unica speranza che ha il partito di centro sinistra per uscire dalla crisi che sta attraversando. E alla fine di una raffica di domande postegli da Claudio Sabelli Fioretti per il quotidiano di Torino, ecco cosa ha dichiarato a proposito di gay e politica.

Ci sarà mai un gay presidente della Repubblica? "Magari c’è già stato". E’ il quiz dell’anno. Chi è? "Uno che ci è andato vicino".Ma uno serenamente gay-gay alla luce del sole? "Sì, a condizione che sia uno che non fa il gay in modo corporativo". Chi per esempio? "Chi fa politica in rappresentanza esclusiva della comunità gay". Non fare il democristiano, ti ho chiesto nomi, non identikit. "Con tutto l’affetto e gratitudine che ho per lui, penso a Franco Grillini".

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...