Usa: aumenta il numero dei coming out tra i militari

di

Sempre più gay e lesbiche in divisa dichiarano la propria omosessualità E nascono anche le prime associazioni di persone lgbt in divisa, a partire da West Point.

Le notizie in arrivo dagli Usa sono sempre migliori. Mentre diventa sempre più certa la firma del governo Obama sul documento per la decriminalizzazione dell’omosessualità proposto dalla Francia all’Onu, diventano sempre più numerosi i casi di coiming out tra i militari statunitensi. Del resto il nuovo presidente ha sempre promesso, fin dalla campagna elettorale, che avrebbe abolito il famigerato "Don’t ask, don’t tell", che impone e gay e lesbiche di non rendere pubblico il proprio orientamento sessuale nel caso in cui siano arruolati.

Questo, insieme a tutte le mosse già fatte dal governo Obama, deve avere dato coraggio a tutti gli omosessuali in divisa che stanno, addirittura, creando associazioni e iniziative.

La Knights Out, ad esempio, raccoglie tutti i militari lgbt dell’accademia di West Point, una delle più rinomate. Attualmente, si contano 38 graduati che hanno fatto coming out, prima fra tutte la presidente di Knights Out, Becky Kanis arruolata ormai da 9 anni.

Leggi   California, esporre i partner all'HIV non sarà più un reato
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...