Usa: borse di studio per gay al college

di

Per permettere di continuare a studiare ai ragazzi adolescenti che, nel fare coming out con la famiglia, si scontrano con problemi di accettazione, e smettono di ricevere soldi...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


La decisione di rivelare alla propria famiglia la sua omosessualità non ha aiutato uno studente del College di Bridgewater, negli Stati Uniti. Suo padre lo ha minacciato di smettere di sostenerlo finanziariamente e ha lasciato il ragazzo "in mezzo a una strada".

"Non ho modo si mantenermi" ha detto il 22enne, che ha chiesto di non pubblicare il suo nome. "Ero spaventato, davvero spaventato".

Fortunatamente, i genitori dello studente 22enne hanno continuato a pagare la scuola dopo le insistenze della madre; ma non tutti riescono a venirne fuori.

Per questo, è stat aideata una nuova borsa di studio offerta dalla scuola – unico programma di questo tipo – che potrebbe rendere più facile la vita per gli studenti gay le cui famiglie rifiutano di sostenerli finanziariamente.

Bob Haynor, coordinatore educativo della Bridgewater, ha cominciato a raccogliere fondi per la borsa di studio nell’aprile del 2000 dopo aver incontrato alcuni studenti che erano rimasti senza sostegno finanziario dopo il loro coming out. Da allora sono stati donati circa 8.200 dollari e Haynor spera che la prima borsa possa venir consegnata il prossimo anno.

La borsa di studio della scuola è stata chiamata Frank-Tremblay Safe Colleges Scholarship ricordando la cantante lesbica Lucie Blue Tremblay che ha raccolto denaro per la borsa e il deputato democratico gay del Massachussets Barney Frank che rappresenta l’area del Bridgewater. Frank non ha raccolto fondi per la borsa, ma ha detto di essere lusingato che il suo nome ne venisse associato. «La possibilità o il fatto di essere scacciati sono un colpo terribile – ha detto – Aggiungete l’impossibilità a proseguire la propria educazione… è importante che ci siano delle risorse disponibili».

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...