USA: lesbica serial killer chiede di morire

di

La prima serial killer donna d'America, da dieci anni nel braccio della morte per aver ucciso sette uomini, ha chiesto che la sua esecuzione non venga più rinviata.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Aileen Wouros, una lesbica alla quale sono state inflitte dieci anni fa sei condanne a morte per aver ucciso sette uomini, è comparsa davanti al giudice per chiedere di essere giustiziata il più presto possibile. Il giudice dovrà valutare ora se la donna è in grado di intendere e di volere.

La Wouros, che è la prima donna serial killer d’America, ha praticato per anni la prostituzione, pur confessando un odio per il genere maschile: «Ho sempre odiato gli uomini, mi hanno solo fatto del male». Da quest’odio sarebbe scaturita la violenza con la quale la donna ha ucciso sette suoi clienti, creando il panico tra i frequentatori di prostitute in Florida, negli anni tra il 1989 e il 1992.

All’inizio dell’inchiesta, la donna aveva dichiarato di aver ucciso per difendersi dalle richieste eccessive dei suoi clienti. Ma in seguito alla condanna, ha rivelato la vera origine del suo odio: «mi hanno sempre trattato male».

Aileen Wouros è stata abbandonata all’età di sei mesi dalla madre; ripetutamente violentata, è rimasta incinta a soli 13 anni e a 15 ha cominciato a prostituirsi. Si è poi legata sentimentalmente a una donna conosciuta in un bar per lesbiche, ma, nonostante le soddisfazioni ricevute dal rapporto, ha cominciato ad uccidere, fino ad essere denunciata dalla sua stessa compagna.

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...