USA: squadra di baseball sostiene i Gay Games

di

Gli Atlanta Braves hanno pubblicamente appoggiato l'ipotesi che la città ospiti i Gay Games del 2006: ma le associazioni delle famiglie protestano.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Si sta delineando una lite tra una squadra di baseball americana che intende promuovere un evento gay e i sostenitori dei diritti delle famiglie che temono una "agenda omosessuale".

Durante una partita con gli Houston Astros, gli Atlanta Braves hanno considerato importante sostenere la candidatura della città per i Gay Games del 2006.

Gli organizzatori dei Gay Games hanno visto la partita seduti nell’area Vip, in compagnia di tremila sostenitori, e il coro dei gay di Atlanta, famosa organizzazione di musica che fa concerti in tutto il mondo, ha cantato l’inno nazionale.

Il portavoce dei Braves, Jim Schultz, ha detto all’ Atlanta Journal-Constitution: «Tutto è partito come una decisione di affari innanzitutto», e ha aggiunto che sarebbe "sciocco" non cercare di essere coinvolti con la organizzazione dei Gay Games.

La American family Association ha emanato un appello in cui deplora l’uso dello sport per promuovere l’omosessualità. Una dichiarazione pubblicata dal gruppo sostiene: «Gli Atlanta Braves non farebbero affari affermando o sostenendo uno stile di vita che avrebbe effetti devastanti sulle vite dei giovani e degli adulti che lo intraprendono».

Ma anche i tifosi e gli uomini d’affari locali sostengono la candidatura. Se Atlanta verrà scelta, la città potrebbe incassare 500 milioni di dollari per l’evento.

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...