Vendola cita "Libero" per accuse di pedofilia

di

Il quotidiano aveva denunciato l'esistenza di una lobby che contrasta la lotta alla pedofilia, ipotizzando che anche il parlamentare di Rifondazione vi partecipasse.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


«Si tratta di un esempio eclatante di giornalismo spazzatura». Con questa affermazione categorica, Nichi Vendola, primo omosessuale dichiarato in Parlamento, ha deciso di dare mandato ai suoi legali per citare in giudizio il quotidiano "Libero", che in un articolo pubblicato ieri, ipotizzava che il parlamentare fosse coinvolto in una lobby che protegge e giustifica la pedofilia.

Il quotidiano diretto da Vittorio Feltri, aveva pubblicato ieri un articolo intitolato "Così nel palazzo si difendono i pedofili", in cui si tracciava un ritratto ipotetico di una lobby di persone d’alto rango, capace di contrastare la lotta alla pedofilia, anche all’interno del Parlamento.

La citazione di Vendola contenuta nell’articolo non è piaciuta all’interessato, che chiede ora, per vie legali, un risarcimento miliardario.

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...