Verona, il nuovo sindaco Sboarina vuole ritirare i libri “gender” da scuole e biblioteche

di

L'intenzione è di ritirarli da scuole e biblioteche: esplode la polemica, la notizia arriva anche in Parlamento.

7861 1

Lo aveva già annunciato nel programma elettorale, precisamente a pagina 18, e così è stato: Federico Sboarina, nuovo sindaco di centrodestra a Verona, ritirerà dalle biblioteche, dalle scuole e dagli asili comunali i libri e le pubblicazioni che equiparano la famiglia tradizionale alle unioni civili omosessuali.

La notizia era forse passata un po’ inosservata. A far esplodere la bolla sono stati il presidente dell’Associazione Italiana Editori (AIE) Riccardo Franco Levi e la neo presidente dell’Associazione Italiana Biblioteche Rosa Maiello, che nelle scorse ore hanno scritto e diffuso una lettera dai toni infuocati: “La parola ritiro non è mai accettabile, per nessuna ragione: qualunque fosse l’opinione, la visione o l’informazione contenuta in quei libri, la nostra valutazione non cambierebbe”.

Ci auguriamo che il sindaco di Verona riveda il suo programma. Invece del ritiro dei libri, potrà impegnarsi a fornire le risorse per arricchire le collezioni delle biblioteche, comprese quelle scolastiche”. La lettera ha raggiunto il suo scopo: è polemica a Verona contro il sindaco.

Alex Cremonesi di Arcigay Verona ha dichiarato: “Che al primo cittadino piaccia o meno, le molteplici forme dell’essere famiglia e della genitorialità, le differenze razziali e religiose, le diversità di orientamento sessuale e di genere sono un fatto, può scegliere solo se rispettarle o meno”.

Proteste anche da alcuni consiglieri comunali, come Tommaso Ferrari: “La libertà di stampa e di espressione è la linfa vitale della nostra cultura e società. I diritti civili per le coppie omosessuali non devono essere messi in discussione, neppure con approssimative manovre indirette, perché non sono in contrasto o in concorrenza con serie politiche familiari”. Dello stesso avviso Michele Bertucco: “Il sindaco è libero di pensare quello che vuole, ma con i diritti civili non si scherza. È improponibile nel 2017 pretendere di negare l’esistenza di differenti orientamenti sessuali e altrettanto improponibile pensare di vietare alla scuola di educare anche a queste differenze”.

La notizia è arrivata anche in Parlamento. Il deputato veronese del PD Diego Zardini invita editori e bibliotecari a non adeguarsi all’oscurantismo “medievale” del nuovo sindaco, mentre il portavoce alla Camera per il M5S Mattia Fantinati non usa mezzi termini: “Mentalità retrograda che ricorda gli inizi di una delle più becere dittature in cui si vietavano da subito i libri e la libertà di espressione. Le idee vetuste, folli ed anacronistiche del sindaco Sboarina non possono essere accettate”.

Leggi   Rai 3, in onda domani un documentario sulla vita gay in Cina
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...