Vescovi svizzeri: sì alle unioni civili ma…

di

La Conferenza dei vescovi svizzeri (CVS) non esclude un impegno pastorale attivo nella Chiesa degli omosessuali, purche' vivano in castita'.

511 0

BERNA – La Conferenza dei vescovi svizzeri (CVS) non esclude un impegno pastorale attivo nella Chiesa degli omosessuali, purche’ vivano in castita’. La CVS non si oppone nemmeno alla registrazione delle coppie omosessuali, ma a condizione che lo status legale assegnato loro dall’unione civile non sia uguale a un matrimonio.

I vescovi svizzeri, riunitisi ieri a Berna, sottolineano che ci che rende gli omosessuali non idonei a svolgere un servizio all’interno della Chiesa la scelta di non vivere l’astinenza sessuale. La Conferenza episcopale cosciente che anche preti e altri rappresentanti della Chiesa vivono la sessualit in generale, e l’omosessualit in particolare, come ”dolorosa sconfitta”. Per affrontare questo stato di cose occorre molta umiltà.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...