Vescovo gay: è crisi tra Vaticano e Anglicani

di

L'ordinazione di un vescovo gay per la comunita' episcopaliana degli Stati Uniti continua a creare ostacoli al dialogo tra la Chiesa Cattolica e la Comunione Anglicana.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


CITTÀ DEL VATICANO – L’ordinazione di un vescovo gay per la comunita’ episcopaliana degli Stati Uniti continua a creare ostacoli al dialogo tra la Chiesa Cattolica e la Comunione Anglicana. Per tentare di appianarli e’ venuto a Roma nei giorni scorsi il rev John L. Peterson, il Segretario Generale del Consiglio Consultivo Anglicano, che ha incontrato il card. Walter Kasper, presidente del Pontificio Consiglio per l’Unita’ dei Cristiani, ma la situazione resta difficile.
“In seguito ai recenti sviluppi nella vita della Comunione Anglicana – afferma un comunicato – e’ stato deciso di rinviare la prossima sessione plenaria della Commissione Internazionale Cattolica-Anglicana per l’Unita’ e la Missione”. Ma, nonostante questo rinvio, continua la nota, “la Comunione Anglicana e la Chiesa Cattolica mantengono il loro impegno a continuare il dialogo e sono d’accordo nel procedere con il lavoro svolto dai sotto comitati della Commissione”.
Non solo: “il card. Kasper ha accolto la richiesta dell’Arcivescovo di Canterbury volta a individuare dei mezzi appropriati al fine di riflettere insieme sulle questioni ecclesiologiche derivanti dai recenti sviluppi nell’ambito della Comunione Anglicana, alla luce dei relativi documenti d’accordo gia’ elaborati dalla Commissione Mista Internazionale Cattolica – Anglicana e – continua il comunicato – prossimamente sara’ costituito, a questo scopo, una sotto commissione ad hoc”.

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...