Vicenda pedofili: le storie dei ragazzi

di

In questi giorni sono state raccolte le testimonianze dei ragazzi vittime della banda di pedofili romana sgominata: vicende di prostituzione e favori, e di pseudo-fidanzamenti.

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
523 0
523 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


E’ uno scenario sempre più sconvolgente quello che si va delineando in questi giorni intorno al gruppo di pedofili sgominato a Roma. Festini, prostituzione, viaggi con accompagnatori adolescenti "a nolo", storie di pseudo-"fidanzamenti" in cui il più giovane subiva la volontà del più anziano (e ricco). Tutto questo in un ambiente che non possiamo liquidare come un ambiente lontano da quello omosessuale: il presunto ideologo del gruppo, ad esempio, quell’ex-poliziotto, già in carcere da giorni, nel disperato tentativo di difendersi dalle montagne di accuse che gli stanno piovendo addosso, e per proteggere la ignara madre, ha dichiarato: «non sono un mostro, sono solo omosessuale. Avevo un fidanzato».

I ragazzi che tra ieri e oggi sfilano accompagnati dai genitori davanti ai magistrati per rilasciare le loro deposizioni, spesso era possibile incontrarli nei pressi di Villa Giulia, ritrovo gay rinomato nell’ambiente romano. Raccontano le loro storie, di clienti ricchi che li costringevano a subire violenza, di cene finalizzate a incontri, di relazioni simili a fidanzamenti, e di altre vicende.

Ha parlato anche la madre che per prima ha avuto il coraggio di denunciare ile denunce subite dal figlio, un figlio che ora lei per volontà di un giudice non può tutelare, che è già inserito nel giro della prostituzione e che fa sapere che difenderà quell’ex-poliziotto dalle accuse secondo lui eccessive e infamanti.

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...