Vicepresidente AG Roma: «Motivazioni dimissioni strumentali»

di

La vicepresidente di Aricgay Roma ci scrive sulle motivazioni che hanno indotto la Segreteria Nazionale di Arcigay a chiedere le dimissioni di Fabrizio Marrazzo dall'organo esecutivo.

Caro Direttore,

le scrivo in merito all’articolo riguardante il Consiglio Nazionale Arcigay, per precisarle che le scelte prese in merito all’appoggio ai candidati alle scorse amministrative sono state decise e votate dall’assemblea ordinaria dei soci di Arcigay Roma, e sono state prese sulla base delle piattaforme programmatiche scritte dalla nostra associazione con ArciLesbica Roma che i rappresentanti delle coalizioni di centrosinistra avevano sottoscritto per conto di tutta la coalizione e si erano impegnati a mettere in atto.

Inoltre, Fabrizio Marrazzo e il direttivo di cui anche io faccio parte sono stati rieletti a settembre 2008, così come Fabrizio Marrazzo è stato rieletto nella segreteria nazionale di Arcigay il 22 novembre 2008. Quindi credo che risulti evidente come queste motivazioni utilizzate 15 mesi dopo i fatti siano del tutto strumentali, oltre che far capo all’autonomia del comitato provinciale Arcigay Roma.

Le dimissioni di Fabrizio Marrazzo dalla segreteria nazionale di Arcigay, dovute alla non condivisione di molte scelte della segreteria, erano già state discusse e decise da Fabrizio con il direttivo di Roma a metà maggio e sarebbero state presentate all’associazione subito dopo la stagione dei Pride. Si è però scelto un percorso diverso, ma è comunque nostra intenzione non aprire un nuovo fronte polemico nell’interesse dell’associazione, solo precisare che non abbiamo condiviso il metodo della vicenda e il metodo ed il merito di molte circostanze, come è emerso in modo trasparente anche durante il consiglio nazionale di ieri e nelle precedenti riunioni.

Grazie per l’attenzione

Marina Zela

vice presidente Arcigay Roma

Leggi   Buon Compleanno Elsa Morante
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...