Visita del Papa in Francia: sotto controllo attivisti gay

di

I gruppi considerati radicali dalle forze dell'ordine sono stati posti sotto una pressante sorveglianza. A Lourdes ci saranno anche gli arei antimissile e un AWACS.

646 0

In vista della prossima visita di Benedetto XVI in Francia, la polizia ha messo sotto sorveglianza i militanti gay più radicali. A riportarlo è l’autorevole quotidiano Le Figaro in un articolo apparso ieri riguardo all’arrivo di Ratzinger previstoper il 12 settembre prossimo.
Impazienti di evitare che si ripeta la pioggia di preservativi che ha accolto Sua Santità in Australia lo scorso luglio, le forse dell’ordine della terra della presa della Bastiglia hanno deciso di mettere sotto un pressante controllo gruppi come Act Up fino alla dipartita di Ratzinger.

In più, considerate le minacce fatte da Al-Qaeda nei confronti di Benedetto XVI lo scorso anno e i recenti attacchi in Algeria, i responsabili della sicurezza in Francia terranno un livello massimo di allerta durante i tre giorni della visita, specialmente nel momento del passaggio da Parigi e da Lourdes, meta di migliaia di pellegrini.
Circa 6000 tra poliziotti e altri uomini delle forze dell’ordine saranno impiegati per coprire l’evento: secondo il quotidiano, un provvedimento senza precedenti.
Durante la visita a Lourdes, un aereo militare AWACS, jet da combattimento e antimissile solcheranno i cieli per un raggio di 20km attorno alla città.

Leggi   Bergamo, baci (a stampo) per il compleanno in pasticceria, coppia gay ripresa: "Trattenetevi, ci sono i bambini"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...